Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato

Avvocato di strada onlus promuove la pallina di Natale "Non esistono cause perse" per contribuire all'attività di assistenza legale a coloro che non possono permettersela
babbo natale che trasporta un grande sacco pieno di doni

di Redazione - Torna anche quest'anno la pallina di Natale della onlus "Avvocato di strada" per contribuire all'attività di assistenza legale a chi non può permettersela.

Leggi anche: Per Natale regala un avvocato

Regala un avvocato per Natale

L'addobbo natalizio, con il claim che contraddistingue l'associazione "Non esistono cause perse", è acquistabile sul sito della Onlus Avvocatodistrada.it con un contributo minimo di cinque euro (esente da spese di spedizione in caso di ordini complessivamente superiori a trenta euro).

Si tratta, spiega l'associazione, di "un modo per sostenere e promuovere le nostre attività e per testimoniare il tuo impegno per il rispetto dei diritti di tutti". In pratica, regalare l'aiuto di un legale a chi non potrebbe permetterselo.

Avvocato di strada: tutela legale gratuita ai più svantaggiati

"Avvocato di strada", infatti, è un'associazione senza scopo di lucro che "persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale in favore delle persone senza fissa dimora e svantaggiate".
Nello specifico, offre assistenza legale gratuita, in ogni controversia giudiziaria e in fase stragiudiziale, ai più deboli, incentivando la nascita di sportelli in tutte le città per garantire il proprio aiuto, attraverso i volontari, a livello nazionale.

Leggi anche: Avvocati di strada: il più grande studio legale in difesa degli ultimi

(12/12/2017 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Hoverboard: multe fino a 99 euro per chi circola su strada e marciapiedi
» Bollette telefono a 30 giorni, arriva la modifica delle condizioni contrattuali
» Multe e atti giudiziari: addio alla comunicazione di avvenuta notifica (CAN)
» Cassazione e obbligo iscrizione gestione separata Inps: quali conseguenze per gli avvocati?
» Il decreto ingiuntivo europeo


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss