Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Assegni familiari: le istruzioni Inps per gli arretrati

Condividi
Seguici

L'Inps ha rilasciato il codice UniEmens per gli Anf e con l'occasione, l'Istituto ha ricordato le regole che disciplinano gli Assegni per il Nucleo familiare
inps

di Valeria Zeppilli - Con il messaggio numero 4283 del 31 ottobre 2017 (qui sotto allegato), l'Inps ha fornito delle istruzioni operative per i datori di lavoro interessati al conguaglio di importi di Assegni per il Nucleo Familiare arretrati.

Istruzioni operative

In particolare, l'Istituto ha chiarito che, a partire dalle denunce con periodo di competenza novembre 2017, i datori di lavoro potranno chiedere gli importi spettanti per ciascun dipendente, sino a 3mila euro, utilizzando il codice causale "L036" avente il significato di "Recupero assegni nucleo familiare arretrati". Tale elemento andrà valorizzato nel flusso UniEmens all'interno dell'elemento di .

Per quanto riguarda, invece, le richieste di arretrati spettanti per importi ulteriori e che non possono essere sottoposti a conguaglio sulla base delle nuove disposizioni, i datori di lavoro potranno effettuarle utilizzando esclusivamente flussi di regolarizzazione con l'indicazione del codice causale "L036" e il totale dell'importo.

Gli Assegni per il Nucleo Familiare

Con l'occasione, l'Inps ha anche ricordato, brevemente, le regole che disciplinano gli Assegni per il Nucleo familiare, precisando che ad essi hanno diritto i nuclei familiari dei lavoratori dipendenti iscritti alle casse previdenziali gestite dallo stesso istituto, considerando la composizione del nucleo familiare e i redditi di lavoro dipendente dichiarati relativi all'anno precedente a quello di richiesta degli ANF.

La richiesta va fatta all'azienda attraverso l'apposito modello messo a disposizione dall'Inps e, chiaramente se ne sussistono i presupposti, l'assegno decorre dal mese di luglio dell'anno della richiesta al mese di giugno dell'anno successivo.

La domanda può avere ad oggetto anche periodi pregressi: in tal caso possono essere pagati gli arretrati sino a massimo cinque anni prima.


Leggi anche: "Assegni familiari: quando spettano e a chi"


Messaggio Inps numero 4283 del 31 ottobre 2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(03/11/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Incidenti stradali: aumenta il danno biologico
» Affidamento condiviso: ora conta anche l'età?
» Il testo del codice di procedura penale aggiornato. Anche in formato PDF
» Online la versione aggiornata del codice penale. Anche in PDF
» Guidare un natante senza patente nautica: ecco tutte le regole

Newsletter f t in Rss