Sei in: Home » Articoli

Scuola: ok a uscita senza adulti se c'è autorizzazione dei genitori

Arriva il "Salva scuola", presentate proposte bipartisan nel decreto fiscale per risolvere la questione legata all'uscita da scuola degli alunni minori di 14 anni
padre porta figlia a scuola con zaino
di Lucia Izzo - Erano divampate non poche polemiche a seguito delle circolari che avevano iniziato a diffondersi in molte scuole italiane. A seguito di tali provvedimenti, gli allievi fino a 14 anni si sono visti privati della possibilità di rientrare a casa da soli.

Una reazione provocata dalla sentenza n. 21593/2017, con cui la Cassazione ha ritenuto responsabile la scuola dell'infortuno, seguito dalla morte, occorso a un allievo investito da un autobus di linea fuori alla scuola: per gli Ermellini, il controllo e la vigilanza da parte dell'istituto non si sarebbero dovuti interrompere finché gli alunni dell'istituto non fossero stati presi in consegna da altri soggetti e dunque sottoposti ad altra vigilanza.

Da qui la fiumana di Circolari capillarmente diffusesi lungo tutto lo stivale con cui, tra l'altro, i Presidi hanno negato che potesse valere un'eventuale dichiarazione di esonero firmata dai genitori a inizio anno per consentire il rientro dei ragazzi in autonomia (per approfondimenti: Scuola: fino a 14 anni alunni accompagnati).

Una situazione che è apparsa contrastare sia con le esigenze di autonomia dei ragazzi delle medie, sia con quelle dei genitori, che si sono visti costretti a dover "prelevare" i propri figli con le stesse modalità degli alunni scuole primarie (di persona o tramite persona appositamente delegata).
Una decisione che le scuole hanno giustificato facendo riferimento alla "presunzione assoluta di incapacità" prevista nel codice penale nei confronti dei minori di anni 14, con il rischio che chiunque abbandoni gli infraquattordicenni dei quali abbia la custodia o debba avere cura, rischierebbe la reclusione da sei mesi a cinque anni.

Emendamenti "salva scuola" nel decreto fiscale

A "salvare" l'uscita da scuola, tuttavia, ci stanno pensando alcuni emendamenti bipartisan (Dem, a firma Marcucci e Puglisi, e Mdp, a firma Guerra) che sono intervenuti in occasione della discussione al Senato sul decreto fiscale collegato alla legge di bilancio (AS n. 2942) e che potrebbero diventare presto legge, vista l'importanza del tema.

Le proposte puntano soprattutto a valorizzare l'autorizzazione/liberatoria dei genitori all'uscita autonoma da scuola dei propri figli under 14, esonerando in questo modo il personale scolastico da ogni responsabilità connessa all'obbligo di vigilanza. Una soluzione già ribattezzata "salva scuola".

La scelta di introdurre gli emendamenti, già ribattezzati "salva scuola", in sede di decreto fiscale, nonostante appaia inusuale, risulta giustificata dall'urgenza di risolvere la situazione. La stessa ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, ha precisato: "Abbiamo spinto noi perché fossero presentati, utilizzando il decreto legge per risolvere la questione velocemente".

La sede della conversione decreto legge appare preferibile, nonostante sia già stata presentata dalla deputata Pd, Simona Malpezzi, un disegno di legge (a cui si ispira l'emendamento Marcucci): l'iter legislativo, infatti, avrebbe tempi eccessivamente dilatati per colmare il vuoto normativo e rispondere alle esigenze di scuola, genitori e allievi.
(02/11/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF