Sei in: Home » Articoli

Brexit: anche dopo il divorzio niente visto per entrare nel Regno Unito

Nelle intenzioni del Governo inglese, non sarà previsto visto per i viaggiatori nel Regno Unito; il permesso di soggiorno servirà solo a chi si recherà nel paese per motivi di lavoro o studio
brexit referendum Gran Bretagna

di Gabriella Lax - I cittadini europei possono tirare un respiro di sollievo: anche dopo la Brexit non avranno bisogno del visto per viaggiare nel Regno Unito. A riportare la notizia è la stampa inglese secondo la quale, nelle intenzioni varate nel piano del Governo, il permesso di soggiorno servirà solo a chi si recherà nel paese per motivi di lavoro o di studio o vorrà trasferirsi dopo l'uscita dell'Uk dalla Ue. Per ora i cittadini dell'Unione europea possono vivere e lavorare nel Regno Unito senza necessità di alcun permesso, secondo il principio della libera circolazione delle persone tra i ventotto paesi membri.

Le critiche al piano del governo inglese

Ma il governo, in questa fase, ha incontrato molte posizioni contrarie, in primis, si ritiene che questo non sia un modo sicuro di controllare l'immigrazione in Gran Bretagna. Schierato contro c'è l'ex leader dell'Ukip, Nigel Farage, secondo cui la decisione del governo sarebbe un ulteriore atto di sottomissione alla volontà di Bruxelles. Per il deputato conservatore euroscettico, Andrew Bridgen imporre, invece, un visto ai viaggiatori europei non avrebbe senso poiché le stesse restrizioni varrebbero poi per i britannici che visitano il continente.

(17/08/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Affido condiviso: sì alla shared custody dei figli
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Le misure cautelari personali coercitive
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss