Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione

Il nuovo ente che ha sostituito Equitalia non può avvalersi di procuratori esterni e deve stare in giudizio personalmente
uomo scappa da una mano che lo rincorre evoca concetto debiti con Equitalia

di Valeria Zeppilli – Come chiarito qualche mese fa dalla Commissione Tributaria Provinciale di Varese con la sentenza numero 310/2017, il decreto legislativo numero 546/1992, al comma 2 dell'articolo 11 (nella veste assunta a seguito della riforma apportata dal decreto legislativo numero 156/2015), impedisce agli agenti per la riscossione di costituirsi in giudizio con avvocati esterni per le cause successive al 1° gennaio 2016 che vedono come controparti i contribuenti. La rappresentanza giudiziale, in altre parole, va garantita esclusivamente dal personale interno.

Carenza di legitimatio ad processum

Tale regola assume una rilevanza fondamentale, se solo si considera gli spiragli di vittoria che possono aprirsi ai contribuenti nel caso in cui possano far valere l'inutilizzabilità della difesa avversaria e, nonostante il recente ingresso in scena dell'Agenzia Entrate Riscossione, non è destinata a perdere la sua centralità, continuando ad operare anche con riferimento a tale nuovo ente.

In altre parole, anche il nuovo soggetto, al pari di quanto si verificava per Equitalia, deve stare in giudizio direttamente o per il tramite della struttura sovraordinata, mentre non può ricorrere né a procuratori speciali né a procuratori generali esterni, pena la carenza di legitimatio ad processum.

Leggi anche: "Niente avvocati, Equitalia deve stare in giudizio personalmente"

Principio di non contestazione

La portata di tale affermazione è ancor più evidente se si considera che in giudizio vale il cd. principio di non contestazione, in forza del quale tutto quanto non contestato da controparte si considera fondato. Se, quindi, l'Agenzia Entrate Riscossione contesta per il tramite di avvocati o di altri professionisti esterni ad essa le eccezioni sollevate dai contribuenti all'atto dell'impugnazione di una cartella, è come se non le contestasse, con moltiplicazione delle possibilità di soccombenza in giudizio anche nel caso in cui abbia astrattamente ragione.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/08/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Avvocati: polizza infortuni a metàAvvocati: polizza infortuni a metà

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF