Sei in: Home » Articoli

Lavoro: vietato controllare il lavoratore con il badge

In tal caso, per la Cassazione, si rientra nell'ambito di applicazione dell'art. 4 dello Statuto dei lavoratori
donna al lavoro mostra badge

di Valeria Zeppilli – Se il badge non si limita a rilevare l'orario di ingresso e di uscita del lavoratore, ma raccoglie una serie di altri dati inerenti alla prestazione lavorativa, può divenire uno strumento di controllo, sottoposto alle cautele di cui all'articolo 4 dello Statuto dei lavoratori.

La Corte di cassazione lo ha chiarito con la sentenza numero 17531/2017 (qui sotto allegata), con la quale ha confermato l'illegittimità del licenziamento disciplinare inflitto a un lavoratore proprio avvalendosi delle risultanze dei dati acquisiti per il tramite del badge.

Illegittimo il badge che controlla permessi e pause

I giudici, in particolare, hanno avuto modo di precisare che la rilevazione delle entrate e delle uscite mediante un'apparecchiatura predisposta dal datore di lavoro e utilizzabile anche quale strumento di controllo del rispetto del dovere di diligenza gravante sul lavoratore, che non è né concordata con le rappresentanze sindacali né autorizzata dall'ispettorato del lavoro rientra nella fattispecie di cui al secondo comma dell'articolo 4, risolvendosi in un controllo sull'orario di lavoro e in un accertamento sul quantum della prestazione.

Nel caso di specie, il rilevatore della presenza trasmetteva alla centrale operativa dati riguardanti non solo l'orario di ingresso e di uscita, ma anche le sospensioni, i permessi e le pause e, così facendo, consentiva di fatto un controllo costante e a distanza del rispetto dell'obbligo di da parte dei lavoratori, senza alcuna garanzia procedurale. Il suo utilizzo, quindi, non può che essere dichiarato illegittimo.



Corte di cassazione testo sentenza numero 17531/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/07/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Processo civile: nullo il giudizio se l'atto introduttivo è notificato in maniera incompleta
» Diritto all'immagine: scatta il risarcimento per la foto pubblicata senza consenso
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» Eredità: la ripartizione dei debiti tra gli eredi
» CTU: la consulenza tecnica d'ufficio nel processo civile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss