Sei in: Home » Articoli

Legge 104: illegittimo il rigetto del trasferimento per l'assistenza al familiare senza preavviso

Il Tar Toscana fissa l'importante principio, se manca la comunicazione ex art. 10-bis legge n. 241/1990 niente diniego al trasferimento
sedia a rotelle per disabile
Avv. Francesco Pandolfi - Il Ministero di Giustizia rigetta la richiesta di trasferimento ex art. 33 l. 104/92 proposta da un'appartenente alla Polizia Penitenziaria, il quale chiede di essere trasferito dalla Casa di reclusione X presso la Casa Circondariale Y in relazione alle gravi condizioni di salute della madre.  

Si tratta in realtà di un dipendente già distaccato (non trasferito) che, a dire dell'Amministrazione, se fosse effettivamente trasferito risulterebbe ormai perso dalla struttura di assegnazione.
Nel suo ricorso l'interessato presenta varie critiche all'operato dell'Amministrazione, che appunto ha respinto la sua domanda, ma una di queste ci interessa in modo particolare in quanto permette di far luce su un importante principio, utile in tanti analoghi casi.

Che cos'è la comunicazione ex art. 10 bis legge 241/1990


Si tratta di un meccanismo voluto dalla legge per consentire, sin dalle prime battute, un leale contraddittorio tra dipendente ed amministrazione di appartenenza: il suo scopo è far collaborare le parti per evitare, per quanto possibile, un successivo ricorso.
In pratica è una comunicazione che rientra nella più generale disciplina di partecipazione al procedimento amministrativo.
Per comprenderne il funzionamento, ecco uno stralcio della norma, comunicazione dei motivi ostativi all'accoglimento dell'istanza: "Nei procedimenti ad istanza di parte il responsabile del procedimento o l'autorità competente, prima della formale adozione del provvedimento negativo, comunica tempestivamente agli istanti i motivi che ostano all'accoglimento della domanda. Entro il termine di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, gli istanti hanno diritto di presentare per iscritto le loro osservazioni, eventualmente corredate da documenti. La comunicazione di cui al primo periodo interrompe i termini per concludere il procedimento che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di cui al secondo periodo. Dell'eventuale mancato accoglimento di tali osservazioni è data ragione nella motivazione del provvedimento finale".

Perché il Tar accoglie il ricorso


Il Tar Toscana (nella recente sentenza n. 926/2017 sotto allegata) accoglie il ricorso, semplicemente perché l'amministrazione non ha consentito il leale contraddittorio con il proprio dipendente, ritenendo erroneamente la natura "vincolata" del suo provvedimento e non inviando la comunicazione in questione. 

Manca quindi il preavviso di rigetto della domanda.

L'art. 33 comma 5 l. 104/92 prevede che il lavoratore che debba assistere un familiare in condizioni di grave invalidità ha diritto di scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede.
Questo equivale a dire che l'amministrazione, una volta ricevuta questa domanda, mette in atto obbligatoriamente tutta una serie di valutazioni di tipo organizzativo e funzionale che poi finiscono all'interno di un provvedimento motivato e discrezionale, non vincolato. 
Circa le caratteristiche che deve avere il provvedimento di risposta amministrativa all'istanza presentata, l'art. 10 bis gioca un ruolo essenziale e deflattivo del contenzioso giudiziale.
In pratica il preavviso è direttamente collegato con le motivazioni del provvedimento finale e deve essere ammessa la possibilità di riaprire l'istruttoria a seguito delle osservazioni ricevute.
Così come devono essere presi in considerazione eventuali fatti sopravvenuti.

In pratica


L'amministrazione ha l'obbligo di attivare questo cosiddetto "procedimento subpartecipativo", termine complicato che però non ci impedisce di comprenderne il senso.
La sostanza da tenere presente è questa: vengono a confronto importanti e contrapposti interessi.
Da una parte quello alla solidarietà familiare attraverso l'assistenza domestica, dall'altra quello del buon andamento degli uffici ed apparati.
Si tratta di interessi da bilanciare e tutte quelle informazioni utili per decidere in modo consapevole e conforme a legge provengono anche dalla parte privata, la quale deve essere messa in grado di fornire elementi istruttori per la decisione finale.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590
francesco.pandolfi66@gmail.com
Tar Toscana, sentenza n. 926/2017
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(15/07/2017 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: sospeso l'avvocato che esegue troppi pignoramenti Cassazione: sospeso l'avvocato che esegue troppi pignoramenti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF