Sei in: Home » Articoli

AAA Tribunale cerca perito per interpretare... il dialetto napoletano

L'insolito incarico peritale conferito dal tribunale di Macerata in un processo penale
donna che chiede se si parla napoletano

di Marina Crisafi - Che il napoletano fosse una lingua a sé lo si sapeva, ma ora arriva un riconoscimento ufficiale. La vicenda singolare è avvenuta a Macerata, dove il tribunale per poter mandare avanti un processo per spaccio di stupefacenti, si è dovuto "votare a San Gennaro".

Gli imputati, infatti, non conoscono l'italiano (… e fin qui niente di strano non è mica la prima volta che il tribunale abbia bisogno di interpreti), ma non sono neanche stranieri che si esprimono in un difficile idioma asiatico, dell'Est Europa o arabo, bensì ... parlano il dialetto napoletano stretto.

Così stretto, che il giudice, la dott.ssa Francesca Preziosi, si è trovata costretta a conferire l'incarico peritale nominando un esperto per tradurre dal napoletano all'italiano.

Il prescelto è l'avvocato Andrea Di Buono del foro di Macerata con studio in Civitanova che, evidentemente, date le origini napoletane, ha dimestichezza con la parlata partenopea.

Il legale non potrà esimersi dallo sciogliere l'intricata matassa linguistica, anche perché il decreto di citazione (sotto allegato) contiene l'avvertimento che non comparendo senza addurre un legittimo impedimento, come prevede l'art. 133 c.p.p., potrà essere accompagnato coattivamente, oltre che essere condannato al pagamento di una multa fino a 516,46 a favore della Cassa delle ammende e alla rifusione delle spese conseguenti.

L'avvocato Di Buono in ogni caso non si è certo tirato indietro e ha persino rifiutato ogni compenso.

Il conferimento dell'incarico avverrà all'udienza di venerdì prossimo 14 luglio alle ore 9.

Si ringrazia l'avvocato Andrea di Buono per la cortese segnalazione

Dal Palazzo di Giustizia maceratese si precisa che la nomina riguarda l'incarico di sbobinamento di intercettazioni telefoniche.
Non debbono, quindi, essere sentiti gli imputati, che, anzi, sino ad oggi, non sono mai comparsi in aula.
Non si tratta, dunque, di una traduzione simultanea.
Dalla lettura del decreto si desume che l'attività dovrebbe essere svolta in udienza, ma verosimilmente verrà conferito soltanto l'incarico al perito - interprete, che, poi, riserverà al prosieguo il compito da svolgere nell'interesse della giustizia.
Decreto citazione Tribunale Macerata
(12/07/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF