Sei in: Home » Articoli

Certificato di regolaritÓ fiscale anche per chi ha rottamato

La novitÓ Ŕ stata inserita dalla "manovrina". La regolaritÓ fiscale viene meno per mancato, insufficiente o tardivo versamento delle rate della rottamazione
timbro per tasse pagate
di Lucia Izzo - Il testo della c.d. "manovrina" (qui sotto allegato), approvato lo scorso 15 giugno (per approfondimenti: La manovra Ŕ legge: dai voucher all'addio agli studi di settore, tutte le novitÓ e il testo), ha introdotto nuove norme in materia di certificato di regolaritÓ fiscale ed erogazione dei rimborsi.

Si tratta dei certificati rilasciati ai contribuenti che aderiscono alla procedura di rottamazione, introdotta dal decreto 193/2016, collegato alla Legge di stabilitÓ 2017 (Legge n. 232/2016), con cui si ammette il pagamento delle sole somme iscritte a ruolo a titolo di capitale, interessi legali e remunerazione del servizio di riscossione, senza dunque alcuna sanzione o interesse di mora.

In sostanza, il Fisco rilascia certificati di regolaritÓ fiscali per attestare che il contribuente non ha alcuna causa pendente con l'Amministrazione Finanziaria. Certificati che possono venir meno in caso di decadenza dalla definizione agevolata, ad esempio ritardi nel pagamento delle rate

RegolaritÓ fiscale e rimborsi: le novitÓ della "manovrina"

Le disposizioni prevedono che i certificati di regolaritÓ fiscale, compresi quelli per la partecipazione alle procedure di appalto, nel caso di definizione agevolata di debiti tributari ai sensi dell'articolo 6 del decreto-legge n. 193/2016 saranno  rilasciati a seguito della presentazione da parte del debitore della dichiarazione di volersene avvalere effettuata nei termini di cui al comma 2 del medesimo articolo, limitatamente ai carichi definibili oggetto della dichiarazione stessa.

La regolaritÓ fiscale verrÓ meno dalla data di esclusione dalla procedura di definizione agevolata, anche a seguito del mancato, insufficiente o tardivo versamento dell'unica rata ovvero di una di quelle in cui Ŕ stato dilazionato il pagamento delle somme dovute ai fini della predetta definizione.

Anche per i rimborsi di imposte e tasse si segue lo stesso principio: questi saranno dunque erogati, se ne sussistono i presupposti, a seguito della presentazione da parte del debitore della dichiarazione di volersi avvalere della definizione agevolata dei debiti tributari, limitatamente ai carichi definibili oggetto della dichiarazione stessa. 

Nei casi di mancato, insufficiente o tardivo versamento dell'unica rata ovvero di una di quelle in cui Ŕ stato dilazionato il pagamento delle somme dovute ai fini della predetta definizione agevolata, l'erogazione del rimborso pu˛ essere sospesa.

D.L. Manovra
(29/06/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sý a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss