Per la Cassazione è sufficiente che la stessa sia desumibile dal contesto dell'atto
piatti bilancia in equilibrio simbolo di giustizia

di Valeria Zeppilli - Quando il contenuto complessivo di un atto di precetto permette a chi lo riceve di identificare con certezza quale sia il titolo esecutivo e la circostanza che lo stesso è stato effettivamente notificato, l'omessa indicazione della data in cui la notifica è avvenuta non rende l'atto nullo.

Il contesto dell'atto

Con la sentenza numero 15316 del 20 giugno 2017 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha infatti citato diversi precedenti di legittimità che sostengono tale conclusione, così ritenendo che debba ritenersi valido l'atto di precetto notificato in rinnovazione di un precedente precetto, con l'indicazione degli estremi della sentenza di condanna sulla base del quale era intimato e con la precisazione che tale sentenza era stata notificata unitamente al primo precetto.

Per i giudici, la data di notifica poteva essere dedotta pienamente dal contesto dell'atto con la conseguenza che la sua omissione era supplibile.

Nullità del precetto

Gli elementi che il precetto deve contenere a pena di nullità, invece, sono altri e sono quelli che permettono di identificare esattamente il titolo esecutivo, in quanto requisito fondamentale indispensabile perché il precetto stesso possa raggiungere il suo scopo, ovverosia assegnare al debitore un termine per adempiere il proprio obbligo e preannunciare l'azione esecutiva in caso di mancato adempimento.


Corte di cassazione testo sentenza numero 15316/2017
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

(23/06/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto
» Il reato di maltrattamenti in famiglia nella giurisprudenza