Sei in: Home » Articoli

Atto di precetto: valido anche se manca la data di notifica del titolo

Per la Cassazione è sufficiente che la stessa sia desumibile dal contesto dell'atto
piatti bilancia in equilibrio simbolo di giustizia

di Valeria Zeppilli – Quando il contenuto complessivo di un atto di precetto permette a chi lo riceve di identificare con certezza quale sia il titolo esecutivo e la circostanza che lo stesso è stato effettivamente notificato, l'omessa indicazione della data in cui la notifica è avvenuta non rende l'atto nullo.

Il contesto dell'atto

Con la sentenza numero 15316 del 20 giugno 2017 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha infatti citato diversi precedenti di legittimità che sostengono tale conclusione, così ritenendo che debba ritenersi valido l'atto di precetto notificato in rinnovazione di un precedente precetto, con l'indicazione degli estremi della sentenza di condanna sulla base del quale era intimato e con la precisazione che tale sentenza era stata notificata unitamente al primo precetto.

Per i giudici, la data di notifica poteva essere dedotta pienamente dal contesto dell'atto con la conseguenza che la sua omissione era supplibile.

Nullità del precetto

Gli elementi che il precetto deve contenere a pena di nullità, invece, sono altri e sono quelli che permettono di identificare esattamente il titolo esecutivo, in quanto requisito fondamentale indispensabile perché il precetto stesso possa raggiungere il suo scopo, ovverosia assegnare al debitore un termine per adempiere il proprio obbligo e preannunciare l'azione esecutiva in caso di mancato adempimento.


Corte di cassazione testo sentenza numero 15316/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(23/06/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF