Sei in: Home » Articoli

Consiglio di Stato: effetti della riabilitazione sul porto d'armi

Nota di commento all'ordinanza n. 1766/2017 di palazzo Spada
fucile appoggiato alla parete

Avv. Francesca Servadei - Con ordinanza del 27 aprile 2017 numero 1766, pronunciata dal Consiglio di Stato, Ŕ stata riformulata la pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale-Umbria che respingeva l'istanza cautelare del codice amministrativo, articolo 55 D. Lgs 104/2010, con la quale si chiedeva l'ottenimento della sospensione del diniego del rinnovo di licenza di porto del fucile.

La vicenda

Il ricorrente negli anni Novanta veniva condannato per il reato di lesioni personali e per effetto della legge 689/1981, art.53, la pena detentiva veniva commutata in pena pecuniaria; successivamente con riabilitazione otteneva la declaratoria di estinzione del reato. Nel 2010 il ricorrente ritornava in possesso del porto d'armi, rinnovo poi negato nel 2016, in quanto la condanna risultava essere ostativa al rinnovo della licenza.

I riferimenti normativi e la giurisprudenza

Dalla lettura dell'articolo 43 del T.U.L.P.S. ,comma 1, lettera a), si evince che vi sono una serie di reati non colposi, come per esempio quelli commessi con violenza, ovvero, il sequestro a scopo di rapina o l'estorsione che possono definirsi ostativi al rilascio del porto d'armi, pertanto si assiste ad un automatismo che nega il rilascio ovvero il rinnovo del porto d'armi laddove il soggetto richiedente lo abbia commesso. Particolarmente dibattuta in ambito amministrativo Ŕ la fattispecie nella quale interviene, ai sensi dell'articolo 178 del codice penale, la riabilitazione del condannato, in virt¨ della quale Ŕ lecito citare gli orientamenti del Consiglio di Stato che (con sentenze 1072 del 2015 e 3719 del 2013), ha statuito che nel caso in cui intervenga la riabilitazione si assisterebbe ad un potere discrezionale in capo all'amministrazione di rilasciare ovvero rinnovare il porto d'armi, sulla base dell'articolo 11 del citato corpo normativo, il quale conferisce importanza alla riabilitazione nella valutazione alle autorizzazioni di polizia. 

Orientamento diverso Ŕ stato invece pronunciato dal Consiglio di Stato con diverse sentenze (per esempio 2158 del 2015, 2312 del 2016) con le quali l'AutoritÓ Amministrativa di secondo grado nega l'importanza alla riabilitazione alla luce del combinato disposto dell'articolo 11 e 43 T.U.L.P.S. in virt¨ dei quali non vi sarebbe alcun potere discrezionale amministrativo, in modo particolare con sentenza 4664 del 2016 il legislatore ha preventivamente escluso ogni ulteriore valutazione, ritenendo che coloro che sono stati dichiarati colpevoli di quei reati di particolare allarme sociale non diano sufficienti garanzie sulla circostanza del non abuso di armi di cui venissero eventualmente in possesso. 

La decisione del Consiglio di Stato

Nella fattispecie in esame, commutata la pena detentiva in pecuniaria, il Consiglio di Stato si Ŕ pronunciato statuendo che l'autoritÓ amministrativa non deve disporre senz'altro la revoca della giÓ rilasciata licenza, ma pu˛ valutare le relative circostanze ai fini dell'esercizio del potere discrezionale. Il tenore della riportata pronuncia si basa sul fatto che con la commutazione della pena detentiva in pecuniaria viene a mancare uno dei requisiti fondamentali dell'articolo 43, I comma del T.U.L.P.S., ossia viene meno la pena detentiva ostativa quindi al rilascio ovvero alla rinnova del porto d'armi

Avv. Francesca Servadei

Studio legale Servadei

Corso Giacomo Matteotti n. 49

Albano Laziale (Roma)

Tel. 069323507

Cell: 3496052621

E-mail: francesca.servadei@libero.it

(17/06/2017 - Avv.Francesca Servadei) Foto: 123rf.com
Le pi¨ lette:
» La responsabilitÓ oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitÓ della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF