Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: prestigio sotto al 20%. Meglio medici, ingegneri e consulenti del lavoro

I dati del Censis nel rapporto annuale realizzato per la Cassa Forense
avvocato con la sua borsa davanti al tribunale

di Marina Crisafi - Per gli italiani, le professioni più prestigiose rimangono quelle dei medici (59,9%) e degli ingegneri (34,7%), mentre quella dell'avvocato si attesta a metà classifica (16%), preceduta dai consulenti del lavoro (21,4%) e seguita da giornalisti (15,8%), commercialisti (11,2%) e architetti (8,4%). A chiudere la classifica, i notai con appena il 2,9%. Sono i dati diffusi dal Censis, nel rapporto annuale sull'avvocatura realizzato per la Cassa Forense e presentato in questi giorni a Roma, da Giorgio de Rita (segretario generale del Censis) e dal presidente della Cassa, Nunzio Luciano.

Censis, i dati sugli avvocati

Nonostante la crisi, secondo i dati, comunque, l'avvocatura rimane una professione ancora prestigiosa. Per lo meno così la pensano gli italiani che attribuiscono ai legali un ruolo attivo nella diffusione della legalità (27,4%), nella stabilizzazione dei rapporti di lavoro (20,3%), nel miglioramento della macchina pubblica (22,1%), e nella tutela dei deboli (20,1%).

Sul tema giustizia, inoltre, il 42,3% ritiene che i professionisti forensi possano giocare un ruolo nel risolvere l'eccessiva durata dei processi, nonché nella riforma del sistema e nei rapporti con la magistratura (il 27,7%). Per l'11,1% svolgono un ruolo chiave per i costi d'accesso al sistema giustizia.

Tuttavia, se si entra nell'ambito dei soggetti che garantiscono un funzionamento migliore della giustizia italiana, gli avvocati si fermano al 12,1%, mentre a prevalere sono le forze dell'ordine (40,7%) seguite dai giudici (35,3%) e dalla magistratura (35,3%).

Sul fronte giustizia, per il 71,6% dei cittadini il sistema italiano non è in grado di garantire la tutela dei diritti fondamentali, mentre per oltre la metà (52,6%) la situazione è pressochè invariata rispetto al passato e per il 38,2% addirittura peggiorata nell'ultimo anno.

Avvocati, scendono i redditi

Nel rapporto del Censis è contenuta anche una ricerca sull'autopercezione della professione basata su un campione di circa 10mila avvocati. Stando ai dati, nel 2016, il 45% circa degli avvocati ha visto un ridimensionamento del proprio reddito. Inoltre, poco più del 34,1% degli avvocati ha dichiarato di riuscire a "sopravvivere" e il 33% considera critica la propria situazione professionale. Nell'ultimo biennio, è aumentata anche la percentuale di coloro che prevedono un netto peggioramento, passata dal 24,6% al 33,6% del totale.

Dai dati è emersa anche una scarsa propensione ad utilizzare gli strumenti di welfare predisposti dalla Cassa per supportare gli iscritti in situazioni di difficoltà: solo l'indennità di maternità, infatti, supera la soglia di utilizzo del 10%.

Leggi anche: "Avvocati: uno su due ha perso reddito"

Italiani, rinunciano alle cause

Altro dato mostrato dalla ricerca del Censis riguarda il rapporto dei cittadini con la giustizia. Secondo il rapporto, nel corso degli ultimi due anni, quasi il 31% degli italiani ha deciso di rinunciare ad avviare azioni legali a tutela dei propri diritti. Nello specifico, a rinunciarvi sono stati soprattutto i soggetti più istruiti (il 36,3% dei laureati e il 31,1% dei diplomati) e tra le motivazioni il 29,4% dei cittadini ha indicato il costo eccessivo delle procedura e il 26,5% i tempi per giungere ad un giudizio definitivo. Più moderata la percentuale di coloro che invece hanno rinunciato a tutelarsi per la sfiducia nei confronti della giustizia (16,2%) e per l'incertezza dell'esito finale (15,9%).

(12/06/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato
» Il falso ideologico
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF