Sei in: Home » Articoli

Lavoro: nasce l'app che monitora la felicità dei dipendenti

Si chiama GefarApp ed è un progetto di welfare aziendale brevettato dall'omonima azienda toscana
lavoro  impiegata call center

di Redazione – Un'app che monitora in tempo reale lo stato di felicità e soddisfazione dei dipendenti di un'azienda fornendo subito il feedback al datore di lavoro. Si Chiama GefarApp ed è stata creata dalla omonima azienda Gefar di Montevarchi Arezzo che per tale innovazione si è aggiudicata il contest nazionale "Professionista digitale 2016/2017", promosso dall'Osservatorio del Politecnico di Milano per il sostegno e la diffusione della cultura digitale negli studi professionali.

Come funziona l'app che monitora la felicità dei lavoratori

Collocata nell'ambito di un progetto di welfare più ampio dell'azienda toscana, l'app ha l'obiettivo di far conoscere al datore "il grado di soddisfazione di ogni dipendente all'interno dell'ambiente di lavoro'' spiega ad Adnkronos il project manager di Gefar Gianmarco Guerrini.

L'app, nello specifico, funziona così: il dipendente esprime mensilmente la propria opinione attraverso un meccanismo a punteggi, su 4 argomenti relativi al grado di soddisfazione al lavoro e la predisposizione alla carriera. I dati, raggruppati secondo una serie di criteri (settore, qualifica, sesso, età, anzianità lavorativa, ecc.) vengono poi trasposti graficamente. Se l'indice ottenuto è negativo, si trasforma in una sorta di alert per il responsabile delle risorse umane che sarà in grado di intervenire tempestivamente per riequilibrare la situazione. Sono molte ormai le ricerche che attestano, spiega ancora Guerrini, che "monitorare il benessere dei propri dipendenti e quindi dare il giusto peso alla componente umana porta statisticamente livelli di produttività superiori alla media''.

L'app è stata sviluppata alla fine del 2016 e dopo essere stata sottoposta al vaglio di giuslavoristi e sindacati è stata presentata alle aziende di vari settori.

(31/05/2017 - Redazione)
In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: addio atto di citazione
» Assegno divorzio: i "nuovi" criteri della Cassazione
» Il decreto penale di condanna
» Il giudizio abbreviato
» Divorzio: ecco la decisione delle Sezioni Unite sull'assegno

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss