Sei in: Home » Articoli

Usura: la sospensione delle procedure esecutive è generalizzata

Per il Tribunale di Vicenza non è possibile circoscriverne l'efficacia alle sole azioni intraprese da chi ha cagionato gli eventi lesivi
debitore che rompe catene simbolo di liberazione Equitalia

di Valeria Zeppilli – La sospensione delle procedure esecutive per le vittime di usura disposta dall'articolo 20 della legge numero 44/1999 non riguarda solo le esecuzioni intraprese dal soggetto che ha causato gli eventi lesivi, ma si estende a tutte le procedure subite dal beneficiario.

Lo ha chiarito il Tribunale di Vicenza, con ordinanza dell'8 maggio 2017 (qui sotto allegata), che ha confermato la sospensione già disposta con provvedimento reso inaudita altera parte (qui sotto allegato).

Usura: il testo della norma

L'articolo 20 infatti, osserva il giudice, non contiene alcuna espressa previsione dalla quale possa farsi discendere una limitazione dei suoi effetti, con la conseguenza, quindi, che questi ultimi sono da ritenersi generalizzati ed estesi a tutte le procedure.

Tale affermazione, peraltro, è avvalorata dall'esame dei singoli commi dell'articolo 20 fatta dal Tribunale, dal quale non può che desumersi l'efficacia diffusa delle sue previsioni.

La ratio della norma

Peraltro, la ratio della norma non è quella di sanzionare il soggetto cui sia attribuita la responsabilità per gli eventi lesivi contemplati dalla legge del '99.

La previsione in analisi, piuttosto, è ispirata ad esigenze di tutela verso soggetti vittima di determinati reati, per i quali prevede quindi degli interventi di sostegno, come la sospensione delle procedure di esecuzione. Ed è proprio tale motivazione che renderebbe ingiusto limitare tale beneficio solo ad alcune procedure, lasciandone aperte delle altre.

Si ringrazia l'Avv. Alessio Orsini (sito web orsinialessio.it) per la cortese segnalazione

Tribunale di Vicenza testo ordinanza 8 maggio 2017
Tribunale di Vicenza testo ordinanza inaudita altera parte
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(24/05/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Decreto sicurezza: i parcheggiatori abusivi rischieranno il carcere
» Bacio sulla bocca non voluto? E' violenza sessuale anche senza lingua
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Congedi papà: addio ai cinque giorni
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera

Newsletter f g+ t in Rss