Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: con la legge Gelli si può scegliere il foro dell'assicuratore

E già è stato avviato il primo ATP in cui è stata sfruttata tale possibilità per cercare maggiori garanzie di terzietà
medico

di Valeria Zeppilli – La legge Gelli sulla responsabilità medica è da poco entrata in vigore e già è stata portata in Tribunale la prima controversia che sfrutta le novità in essa contenute estendendone a pieno i confini, anche per quanto riguarda la scelta del Foro competente.

La vicenda che sarà esaminata nelle aule di giustizia, infatti, ha ad oggetto il decesso di un uomo, per sospetta malnutrizione a seguito di un intervento al ginocchio, verificatasi in due ospedali sardi. Tuttavia, i fratelli della vittima si sono rivolti al Tribunale di Milano.

La riforma Gelli, infatti, ha previsto la possibilità per il paziente vittima di malasanità (o per i suoi eredi) di avviare la causa di risarcimento intentando un'azione diretta verso la compagnia di assicurazione della struttura sanitaria ritenuta responsabile. Di conseguenza, sarà possibile anche adire il foro alternativo della sede legale dell'assicuratore.

Nel caso di specie, pertanto, i legali hanno deciso di spostarsi dalla Sardegna, ove si è verificato l'evento dannoso, al capoluogo lombardo, ove ha la sede legale la compagnia con la quale sono assicurate le strutture sanitarie coinvolte, con l'obiettivo di svincolarsi da eventuali condizionamenti locali.

In particolare, il procedimento che è stato avviato è, come richiesto dalla legge Gelli, quello per accertamento tecnico preventivo (condizione di procedibilità per l'esperimento di un vero e proprio giudizio di cognizione ordinaria), con la conseguenza che il collegio medico-legale nominato potrà offrire, nelle intenzioni dei danneggiati, maggiori garanzie di terzietà di quello che avrebbe potuto essere nominato in Sardegna.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(08/04/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: sospeso l'avvocato che esegue troppi pignoramenti Cassazione: sospeso l'avvocato che esegue troppi pignoramenti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF