Sei in: Home » Articoli

ResponsabilitÓ medica: per gli errori sanitari, il paziente pu˛ citare l'assicurazione

Le polizze divengono obbligatorie per strutture sanitarie pubbliche e private e la rivalsa Ŕ sottoposta a limiti specifici
medici seri con file dietro di sedie e una caduta simboleggiante danno

di Valeria Zeppilli ľ La recente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della riforma sulla responsabilitÓ del sanitario renderÓ ben presto del tutto nuovi i confini di questa.

Le principali novitÓ riguardano la nuova struttura della responsabilitÓ civile e di quella penale, l'obbligo di assicurazione e l'istituzione di un fondo di garanzia (leggi: "ResponsabilitÓ medica: la riforma Ŕ in Gazzetta").

Polizze

Soffermandoci sulle questioni strettamente assicurative, la riforma Gelli introduce per le strutture sanitarie sia pubbliche che private (cosý come gi¨ avveniva per i medici) l'obbligo di stipulare una polizza che li copra rispetto a forme di responsabilitÓ sanitaria.

L'unica alternativa, che permette alle aziende di derogare tale obbligo, Ŕ quella di "autoassicurarsi", istituendo un fondo adeguato per il risarcimento.

Rivalsa

Le Compagnie di assicurazione, poi, sono assoggettate a limiti rilevanti in merito all'azione di rivalsa esercitabile contro l'operatore sanitario, possibile esclusivamente in caso di dolo e colpa grave e a condizione che il paziente sia giÓ stato risarcito.

Oltretutto, anche se tali ipotesi si verificano e la rivalsa Ŕ ammissibile, essa dovrÓ comunque essere contenuta nel massimo a un importo pari al triplo del reddito lordo annuo del medico.

Azione diretta

Ma le novitÓ della riforma recentemente pubblicata in Gazzetta e relative alla questione assicurazione, non si arrestano qui e arrivano a toccare anche il processo civile, con l'introduzione della possibilitÓ per il paziente di agire in giudizio citando direttamente la Compagnia di assicurazione della struttura sanitaria o del medico, alla pari di quanto avviene giÓ nel campo della RC auto.

Tuttavia, si prevede il litisconsorzio necessario, con la necessitÓ che al giudizio compaiano anche la struttura o il medico libero-professionista.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed Ŕ dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche ľ Diritto del lavoro presso l'UniversitÓ 'G. D'Annunzio' di Chieti ľ Pescara
(21/03/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» L'avvocato non pu˛ accettare compensi esigui
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» In arrivo pi¨ ferie e ponti per tutti
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi