Addio agli studi di settore dal 2018

Già a dicembre 2017 arrivano gli Isa, gli indici sintetici di affidabilità fiscale
uomo incontro a un bivio deve fermarsi per stop
di Lucia Izzo - Già da questa annualità d'imposta saranno operativi gli ISA, gli indici sintetici di affidabilità fiscale che andranno a sostituire gli studi di settore, sino a oggi utilizzati per scovare le imprese che avevano dichiarato ricavi inferiori rispetto alla media della categoria di appartenenza (per approfondimenti: Addio studi di settore: arriva la legge Equitalia, sanatoria fino a marzo e addio studi di settore: ok della Camera al dl fiscale). 

È in arrivo "un rapporto completamente nuovo tra Fisco e contribuenti" spiega l'Agenzia delle Entrate in un comunicato stampa del 7 marzo 2017 (qui sotto allegato).

L'Agenzia chiarisce che alle imprese e ai professionisti, dal prossimo anno, sarà garantito un "riscontro trasparente della correttezza dei propri comportamenti fiscali attraverso una nuova metodologia statistico-economica che stabilirà il grado di affidabilità/compliance su una scala da 1 a 10". Solo i contribuenti "affidabili" potranno avere accesso a dei benefici premiali, ad esempio l'esclusione o la riduzione dei termini per gli accertamenti.

Ma come funzionano esattamente gli ISA? Questi Indici sintetici di affidabilità si comporranno di un insieme di indicatori elementari di affidabilità e di anomalia che consentiranno il posizionamento dei contribuenti su una scala da 1 a 10, in base al loro livello di affidabilità fiscale.

In particolare, gli aspetti analizzati dagli ISA riguarderanno l'attendibilità di relazioni e rapporti tra grandezze di natura contabile e strutturale, tipici per il settore e/o per il modello organizzativo di riferimento, mentre gli indicatori elementari di anomalia valutano incongruenze e situazioni di normalità/coerenza del profilo contabile e gestionale che presentano carattere atipico rispetto al settore e al modello organizzativo cui sono riferiti.

A dicembre 2017 si attende l'approvazione dei primi 70 Isache riguarderanno circa un milione e mezzo di contribuenti: 29 indicatori sintetici di affidabilità saranno sviluppati per il settore del commercio, 15 per le manifatture, 17 per i servizi e 9 per i professionisti. Per il periodo d'imposta 2018, invece, anche i contribuenti che rientrano nei restanti 80 settori economici avranno a disposizione questo nuovo strumento.
Agenzia delle Entrate, Comunciato 7/3/2017
(09/03/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Responsabilità medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Cassazione: esentasse le cause sotto i 1.000 euro
» Nuova tassa auto per il 2019
» Stralcio debiti fino a mille euro: come funziona
» Riforma processo civile: il no degli avvocati
Newsletter f g+ t in Rss