Sei in: Home » Articoli

Daspo: il paradosso di Tounkara, per un anno giocatore sì ma spettatore no

Il diritto sportivo e i relativi risvolti pubblicistici: divieto al calciatore di assistere alle partite, ma può disputarle
di Paolo M. Storani - La puntata n. 1 della nuova rubrica Frammenti è dedicata a Mamadou Tounkara; si tratta di una giovane punta centrale ispano-senegalese allevata nella cantera del Barcellona che ora gioca nella Lazio allenata da Simone Inzaghi.
Cantera in lingua spagnola significa "cava" ed indica le scuole calcio del settore giovanile, che equivalgono ai nostri vivai.
Nessun settore giovanile in Europa è prolifico come quello blaugrana.
Il ragazzo è molto bravo e, verosimilmente, prima o poi si farà, anche se ora è al centro di un caso paradossale.
Infatti, dopo Lazio-Chievo un tifoso biancazzurro insulta il capitano Lucas Biglia, faro e mente euclidea della squadra.
Allora Mamadou, che è in tribuna Monte Mario, si scaglia verso l'esagitato a tutela dell'onore ferito del prestigioso compagno argentino.
Finisce in rissa.
Ora, in compagnia del facinoroso fan, il promettente nero d'ebano si è beccato un Daspo di un anno; come noto, il Daspo è la misura irrogata dalla Questura (in questo caso di Roma) che vieta a chi si è macchiato di comportamenti violenti di assistere a manifestazioni sportive.
Un divieto di accesso in piena regola ai luoghi in cui si svolgono le gare.
E così si verifica per la prima volta in assoluto che un giocatore professionista possa entrare in campo quale calciatore, ma non sugli spalti dello stadio quale spettatore.
Qualche precedente si era già verificato in Lega Pro e tra i dilettanti, ma mai in Serie A o B.
Ma forse il Daspo più inesorabile al ventunenne attaccante laziale lo ha affibbiato proprio la società in cui milita: solo tredici minuti giocati in serie A in quattro anni di permanenza in Italia!
Dopo questo episodio minore e leggero, appuntamento a domani per riflettere, approfittando della quiete del weekend, sulla culla della nostra civiltà, il Mar Mediterraneo, e sulle parole di un grande autore scomparso da qualche settimana.
(04/03/2017 - Law In Action - di P. Storani)
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss