Sei in: Home » Articoli

Il libretto postale

Come funziona e quali sono i più diffusi
salvadanaio con calcolatrice

Avv. Daniele Paolanti - Il tema del risparmio e della sicurezza è particolarmente caro agli italiani i quali, sovente, sono alla ricerca di soluzioni agevoli e pratiche che consentano loro di tenere al sicuro il proprio denaro. Tra le soluzioni che il mercato offre vi sono appunto i libretti postali, che sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti e sono garantiti dallo Stato italiano. Come appena detto di libretti ne esistono di diversi tipi e Poste si premura soprattutto di offrire una scelta ampia ed articolata così da consentire agli utenti/clienti di poter accedere ad un prodotto che sia funzionale ed agevole per le loro esigenze.

Caratteristiche del libretto postale

Si è già detto del fatto che sono emessi dalla CDP e che sono garantiti dallo Stato italiano. Normalmente questo genere di libretti non prevedono spese di apertura, chiusura e gestione, eccetto gli oneri di natura fiscale. Un libretto di risparmio può essere aperto presso tutti gli uffici postali e le operazioni di prelievo e versamento possono essere effettuate in tutti gli uffici postali. Al momento della sottoscrizione, e previa sottoposizione all'attenzione dell'utente del foglio informativo, si può aprire il libretto presentando un documento di identità ed il codice fiscale.

Il libretto postale smart

Premesso che dal 2017 il libretto postale può essere aperto sia in forma cartacea che dematerializzata giova in questa sede discutere di alcuni dei caratteri del libretto smart. Molti italiani infatti confidano nelle Poste per la sicurezza dei propri conti, ed il libretto Smart è stato proposto con alcuni caratteri distintivi rispetto al libretto ordinario, anche se ha un tasso di rendimento con una percentuale dello 0,05%. Gli interessi sono tassati al 20%gli interessi del Libretto Postale Smart vengono sottoposti alla tassazione del 20% ma il capitale non subisce comunque diminuzioni. Il servizio comprende anche una carta associata al libretto che può essere richiesta gratuitamente. Con questa carta non si possono eseguire acquisti nei negozi né online poiché non è comunque preposta a questo compito. In compenso si possono prelevare contanti dal libretto ed effettuare versamenti (oltre al controllo del saldo ed alle operazioni di Girofondi da o verso Libretto Smart da Ufficio Postale e dagli sportelli automatici (ATM) del circuito Postamat).

I libretti postali dormienti

Ai sensi del D.P.R. 22 giugno 2007 n. 116, recante il "Regolamento di attuazione dell'art. 1, c. 345, della legge 23 dicembre 2005 n. 266 in materia di depositi dormienti" sono considerati dormienti "i rapporti contrattuali di cui all'articolo 2 in relazione ai quali non sia stata effettuata alcuna operazione o movimentazione ad iniziativa del titolare del rapporto o di terzi da questo delegati, escluso l'intermediario non specificatamente delegato in forma scritta, per il periodo di tempo di 10 anni decorrenti dalla data di libera disponibilità delle somme e degli strumenti finanziari di cui all'articolo 2, comma 1". Dunque decorsi i dieci anni cui fa riferimento la norma de qua si deve ritenere che il deposito si sia estinto, ai sensi dell'art. 3 del D.P.R. 116/2007, salvo che, entro il termine di 180 giorni dalla comunicazione effettuata da parte dell'intermediario, il titolare non effettui un'operazione o movimentazione.

Il libretto postale per i minorenni

Il libretto per un minore può essere richiesto dai genitori (o da uno solo di essi) con delega del minore. Giova precisare che per la richiesta è necessario un documento di identità ed il codice fiscale dei genitori e del minore. I libretti per i minorenni sono di tre tipi e con diversi livelli di autonomia: "Io cresco", che è dedicato ai bambini da 0 a 12 anni; "Io conosco" dedicato ai bambini da 12 a 14 anni; "Io capisco" dedicato ai ragazzi da 14 a 18 anni.

Daniele PaolantiDaniele Paolanti - profilo e articoli
E-mail: daniele.paolanti@gmail.com Tel: 340.2900464
Vincitore del concorso di ammissione al Dottorato di Ricerca svolge attività di assistenza alla didattica.
(27/02/2017 - Avv.Daniele Paolanti) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» L'assegno sociale
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF