Sei in: Home » Articoli

Tirocini tribunali: proroga per il 2017, domande entro domani

Le regole dettate dal Ministero della giustizia e il fac-simile di domanda
avvocato che mostra orologio

di Marina Crisafi – Va presentata entro lunedì la domanda per la proroga dei tirocini nei tribunali. A dettare le regole per la presentazione delle domande "per lo svolgimento di un ulteriore periodo di perfezionamento presso l'ufficio per il processo" è un provvedimento pubblicato in questi giorni dal ministero della giustizia sul proprio sito.

Chi sono i tirocinanti interessati?

Ad essere interessati dalla proroga, sono tutti i tirocinanti ex art. 50 c1-bis del d.l. n. 90/2014 (convertito dalla l. n. 114/2014), ossia coloro che hanno già completato un tirocinio formativo nel 2016.

Gli stessi potranno continuare il periodo di perfezionamento per una durata non superiore a 12 mesi, nello stesso ufficio giudiziario ove erano stati assegnati.

Come fare domanda

I tirocinanti interessati alla proroga nel 2017 dovranno presentare domanda di prosecuzione attraverso il fac-simile scaricabile dal sito del Ministero della Giustizia (qui sotto allegato), entro il termine del 16 gennaio.

La domanda dovrà essere consegnata personalmente o trasmessa, insieme alla copia di un valido documento di identità, con raccomandata A/R, all'ufficio giudiziario presso cui l'interessato ha svolto il tirocinio concluso nel 2016.

Nella domanda, inoltre, l'interessato, dovrà espressamente richiedere l'attribuzione della borsa di studio (ex art. 9 del dm 20.10.2015).

Inoltre, considerato che per i tirocinanti è previsto un punteggio aggiuntivo nel concorso pubblico a 800 posti per assistente giudiziario, nell'istanza bisognerà anche indicare se sia stata o meno presentata domanda di partecipazione al concorso stesso.

Fac-simile domanda tirocini tribunali
(15/01/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione
» Bestemmia: multa solo per chi offende Dio
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss