Sei in: Home » Articoli

Lavoro: dimissioni online solo con i consulenti

Il Ministero del Lavoro chiarisce quali sono i soggetti abilitati alla trasmissione delle dimissioni per via telematica
scrivere col gesso alla lavagna le proprie dimissioni

di Marina Crisafi - Chi intende dare le dimissioni può chiedere aiuto soltanto ad un consulente del lavoro e non già ad un avvocato, commercialista o altro professionista. A chiarirlo è il Ministero del Lavoro, nell'interpello 24/2016 (qui sotto allegato), in risposta al quesito avanzato da Confimi Industria in merito ai soggetti abilitati alla presentazione telematica delle dimissioni volontarie e delle risoluzioni consensuali dei rapporti di lavoro subordinato.

Il quesito riguardava la corretta interpretazione della normativa (ex art. 26, comma 4, D.Lgs. n. 151/2015 come modificato dall'art. 5, comma 3 lett. b), D.Lgs. n. 185/2016), e in particolare se nell'ambito della locuzione consulenti del lavoro contemplata dal comma 4 dell'art. 26 citato possano ricomprendersi gli altri professionisti (avvocati, commercialisti, ragionieri ecc.) nonché "le imprese considerate artigiane ai sensi della legge 25 luglio 1956, n. 860, e le altre piccole imprese, anche in forma cooperativa".

Per il ministero, occorre partire dal dato letterale della disposizione di legge, che pur ampliando la platea dei soggetti abilitati alla trasmissione dei moduli telematici rispetto alla precedente formulazione della norma, fa testualmente riferimento ai "consulenti del lavoro", non consentendo dunque, "una interpretazione estensiva, tale da ricomprendere tutti i professionisti e le associazioni abilitati ad effettuare gli adempimenti di cui all'art. 1 della l. n. 12/1979".

Ciò perché gli obblighi sanciti dall'art. 26 del d.lgs. n. 151/2015 gravano principalmente sul lavoratore e "non possono pertanto essere ricompresi nell'ambito degli adempimenti connessi alla gestione del rapporto di lavoro di esclusiva pertinenza del datore di lavoro".

Leggi anche "Dimissioni solo online: pubblicati procedura e modello"

Ministero del Lavoro, Interpello n. 24/2016
(08/01/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss