Sei in: Home » Articoli

La precedenza in rotatoria

I riferimenti normativi sulle regole della precedenza nelle rotatorie
segnale di rotatoria

di Annamaria Villafrate - La precedenza in rotatoria non è disciplinata da norme specifiche, ma da disposizioni generali sulla circolazione stradale da cui è possibile ricavarne la regolamentazione:

- art. 122, comma 6, Regolamento di attuazione del Codice della Strada

Secondo tale articolo, rubricato "Segnali di obbligo generico": "Il segnale di rotatoria deve essere usato per indicare ai conducenti l'obbligo di circolare secondo il verso indicato dalle frecce. Deve essere collocato sulla soglia dell'area ove si svolge la circolazione rotatoria. Sulle strade extraurbane è sempre preceduto dal segnale di preavviso di circolazione rotatoria".

Il segnale di rotatoria è un cartello rotondo con sfondo azzurro e tre frecce bianche disposte in senso antiorario a forma di cerchio. Questo cartello deve essere posizionato sulla soglia dell'area di rotatoria. La sua funzione è quella d'indicare ai conducenti che si deve procedere nel senso indicato dalle frecce. Il cartello di preavviso di rotatoria ha invece forma di triangolo con il bordo rosso e sfondo centrale bianco con al centro tre frecce nere che si succedono in senso antiorario a formare un cerchio. Nelle strade extraurbane deve sempre precedere il segnale di rotatoria.

- art. 143 Codice della Strada

L'art. 143 C.d.s. prevede l'obbligo generale di percorrere la corsia più libera di destra;

- art. 144 Codice della Strada

Il successivo art. 144 C.d.S dispone che in centro abitato è obbligatorio circolare per file parallele, tenendo conto della densità del traffico;

- art. 145, comma 2, Codice della Strada

L'art. 145 C.d.s, al comma 2 dispone che in caso d'intersezione tra le traiettorie percorse da due veicoli, è obbligatorio dare la precedenza a chi proviene da destra, a meno che la segnaletica non disponga diversamente. Ne consegue che la circolazione all'interno della rotatoria è disciplinata dalla segnaletica presente nel singolo caso, visto che la regola generale della precedenza a destra può essere derogata;

- art. 154 Codice della Strada

Posto inoltre che le rotatorie devono essere considerate come aree d'intersezione (incroci), se all'interno della rotatoria si deve cambiare corsia è necessario segnalarlo (ex art. 154 C.d.S.), azionando le frecce luminose.

In sintesi

Considerato che nelle città italiane esistono principalmente due tipi di rotonde, le regole sulla precedenza possono essere così riassunte:

- Rotatorie all'italiana: all'ingresso di una o tutte le entrate si trova solo il cartello azzurro "Rotonda". Chi entra nella rotonda ha la precedenza, perché proviene da destra rispetto ai veicoli che circolano al suo interno;

- Rotatorie alla francese: all'ingresso della rotatoria oltre al cartello azzurro c'è anche il "triangolo" rosso e bianco con punta rivolta verso il basso e una striscia di arresto. I veicoli che circolano nella rotonda devono passare per primi e chi intende immettersi deve dare la precedenza.

(02/12/2016 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: per i figli vale sempre il tenore di vita
» Cassazione: saluto fascista non è reato se commemorativo
» Il contratto di francising
» Flat tax: che cos'è e come funziona
» Cassazione: reato per chi rivela la relazione con una donna sposata


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss