Sei in: Home » Articoli

Acqua: 50 litri gratis al giorno e tariffa sociale

In Gazzetta il Dpcm che fissa i criteri per l'accesso alla fornitura idrica, le tariffe differenziate e il "bonus H2O"
bambini che bevono acqua potabile da una fontana

di Marina Crisafi – Cinquanta litri di acqua gratis al giorno e tariffe agevolate, differenziate sulla base dell'uso e delle condizioni economiche. È quanto prevede il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 13 ottobre 2016, pubblicato il 18 novembre scorso in Gazzetta Ufficiale (qui sotto allegato). Il provvedimento attua quanto previsto dal c.d. collegato ambientale (legge n. 221/2015) che ha delegato il Governo a fissare "principi e criteri per garantire l'accesso alla fornitura della quantità di acqua necessaria al soddisfacimento dei bisogni fondamentali, a condizioni agevolate, agli utenti domestici del servizio idrico integrato in condizioni economico-sociali disagiate".

Il quantitativo minimo vitale

Secondo l'art. 1 del decreto è fissato in 50 litri per abitante al giorno il "quantitativo minimo di acqua vitale" necessario al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

La tariffa sociale

Il dpcm prevede, nello specifico, che l'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico (Aeegsi) determini, con riferimento al quantitativo minimo vitale sopraindicato, "la fascia di consumo annuo agevolato per le utenze domestiche residenti" con l'applicazione di una tariffa agevolata per tutte le utenze.

Bonus H2O

Ex art. 3, inoltre, l'autorità, sempre con riferimento al quantitativo minimo vitale, deve applicare un "bonus acqua" a tutti gli utenti domestici residenti (ovvero nuclei familiari), in condizioni di disagio economico sociale.

Il bonus è quantificato in misura pari al corrispettivo annuo che tali utenti in "documentato stato di disagio" pagano relativamente al quantitativo minimo vitale determinato a tariffa agevolata.

Le condizioni di disagio che consentono di accedere al bonus (in base all'indicatore Isee), le stesse modalità di accesso, riconoscimento ed erogazione della misura, saranno disciplinate dall'Autorità.

Il bonus sarà riconosciuto direttamente in bolletta dalla data della verifica del possesso dei requisiti richiesti.

Dpcm Acqua Tariffa Sociale
(20/11/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Casa familiare all'ex anche se la figlia va all'università fuori città
» Arriva la riforma del processo civile
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss