Sei in: Home » Articoli

Spray antiaggressione: si possono usare?

Cosa dice in proposito la giurisprudenza
donna con spray antiaggressione

Avv. Laura Bazzan - Gli spray antiaggressione sono dispositivi nebulizzatori per la difesa personale a base di oleoresin capsicum, sostanza infiammatoria ed irritante che agisce su occhi e mucose. Si tratta, più precisamente, di strumenti di autodifesa, per ciò privi di attitudine a recare offesa alla persona e consentiti per sottrarsi ad una minaccia o una aggressione che ponga in pericolo la propria incolumità.

Tali dispositivi, comunemente noti come spray al peperoncino, risultano liberamente acquistati, detenuti e portati soltanto se rispondenti ai requisiti elencati dal Decreto del Ministero dell'Interno n. 103/2011 e, in particolare, quando la dose contenuta non superi i 20 ml, con una percentuale di oleoresin capsicum inferiore al 10% e concentrazione massima di capsaicina e capsainoidi pari al 2,5%, la miscela non contenga sostanza infiammabili, corrosive, tossiche, cancerogene o aggressivi chimici, la gittata raggiunga al massimo tre metri, al momento dell'acquisto il prodotto sia sigillato e provvisto di un sistema di sicurezza contro l'attivazione accidentale. In assenza di tali requisiti, agli spray antiaggressione rimane applicabile la disciplina in materia di armi.

La vendita degli spray antiaggressione, in ogni caso, è riservata ai soggetti maggiori di sedici anni.

Quando gli spray antiaggressione sono equiparati alle armi

In virtù della parificazione delle armi che emettono gas alle armi da sparo comuni, operata dall'art. 2 c. 3 L. n. 110/1975, la giurisprudenza ha ritenuto applicabile agli spray antiaggressione chimici la disciplina in materia di armi, incluse le sanzioni penali di cui alla L. n. 895/1967 in caso di detenzione o porto illegittimo. Così, ad esempio, osservando che la bomboletta contenente gas lacrimogeno è idonea ad arrecare offesa alla persona, come tale rientrante nella definizione di arma comune da sparo, la Corte di Cassazione con le sentenze nn. 21932/2006 e 44994/2007 ne ha ritenuto illegittimo il porto in luogo pubblico. Successivamente, con sentenza n. 7952/2009, la Suprema Corte, ribadendo che la bomboletta spray contenente gas lacrimogeno (CS) è da qualificarsi come arma comune ai sensi dell'art. 2 L. n. 110/1975, ha precisato che lo spray a base di olio di peperoncino non è qualificabile come arma e, di conseguenza, il porto senza giustificato motivo va inquadrato nella fattispecie di cui all'art. 4 L. n. 110/1975 "trattandosi palesemente di oggetto atto ad offendere (quand'anche a scopo difensivo), poiché induce l'accecamento, sia pur temporaneo, della persona sul cui volto viene spruzzato e quindi con effetto indubbiamente lesivo e fortemente irritante".

Tra gli aggressivi chimici il cui porto illegale costituisce reato, secondo la giurisprudenza di legittimità, rientrerebbe anche la bomboletta di spray urticante, in relazione alla quale non è possibile escludere la completa inidoneità della sostanza espulsa a recare offesa alla persona ma che anzi, se indirizzata sugli occhi, può produrre danni certamente non irrilevanti ed è in concreto idonea a compromettere, anche in via temporanea, l'integrità dell'organismo umano (cfr. Cass. n. 6106/2009).

La piena legittimità degli spray antiaggressione OC conformi al d.m. n. 103/2011… O quasi

All'indomani dell'entrata in vigore del d.m. n. 103/2011, la giurisprudenza ha avuto modo di pronunciarsi sulla legittimità dello spray urticante con principio attivo naturale, come nel caso dell'oleoresin capsicum, escludendo che possa essere ricompreso tra le armi da guerra o tipo guerra per assoluta mancanza delle caratteristiche di cui all'art. 1 L. n. 110/1975, riferito ad aggressivi chimici, biologici e radioattivi dotati di una spiccata potenzialità di offesa (cfr. Cass. n. 3116/2012). Pertanto, rispetto agli spray urticanti, deve aversi riguardo alla composizione: se la sostanza urticante è compresa tra gli aggressivi chimici, il porto illegale è punito dalla L. n. 895/1967 in quanto arma da sparo ex art. 2 L. n. 110/1975; viceversa, se la sostanza urticante è naturale si applica il principio espresso dalla sentenza n. 3116/2012 (cfr. Cass. n. 5719/2014).

A rigore, dovrebbero essere riconosciuti pienamente legittimi gli spray antiaggressione composti da principi attivi naturali (OC) nel rispetto dei requisiti di cui al d.m. n. 103/2012 e usati in modo lecito, ovvero per difendere se stessi da aggressioni e minacce all'incolumità personale, non già per offendere, pena la configurabilità del reato di cui all'art. 4 c. L. n. 110/1975 (porto di oggetti idonei ad offendere senza giustificato motivo) e, nel caso in cui dall'utilizzo ingiustificato dello spray derivino lesioni, l'aggravante di cui all'art. 585 c. 2 n. 2 c.p. Pur riconoscendo la validità del principio espresso nella citata sentenza n. 3116/2012, più recentemente, la Corte di Cassazione ha ritenuto comunque integrata la contravvenzione del porto abusivo di armi di cui all'art. 699 c.p. nella condotta di chi aveva portato in luogo pubblico senza licenza una bomboletta contenete spray urticante a base di oleoresin capsicum (cfr. Cass. n. 14807/2016).

(02/11/2016 - Avv.Laura Bazzan) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF