Sei in: Home » Articoli

Guida diurna a fari spenti: multe salate sulle strade extraurbane

Ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli devono tenere le luci accese di giorno anche durante la marcia all'interno dei centri abitati
auto blu parcheggiata

di Valeria Zeppilli – In alcuni casi, gli automobilisti hanno l'obbligo di tenere le luci accese anche di giorno.

Nonostante la rabbia manifestata da molti cittadini (da ultimo da decine di residenti dei comuni della pianura veronese, sanzionati sulla strada 434) a prescrivere tale obbligo è una norma ben precisa: l'articolo 152 del codice della strada.

Tale disposizione, in particolare, impone l'utilizzo anche diurno delle luci di posizione, dei proiettori anabbaglianti e delle luci di targa e di ingombro ove prescritte a tutti i veicoli a motore che si trovino a circolare fuori dai centri urbani.

Ma non solo: i ciclomotori, i motocicli, i tricicli e i quadricicli devono tenere le luci accese di giorno anche durante la marcia all'interno dei centri abitati.

La sanzione posta a presidio di tale disposizione, peraltro, non è irrilevante, ma è rappresentata dal pagamento di un somma compresa tra 41 e 168 euro.

Occorre comunque precisare che l'obbligo dei dispositivi luminosi non riguarda i veicoli di interesse storico e collezionistico.

Inoltre, in determinati casi, i veicoli che ne sono dotati possono avvalersi, in alternativa ai dispositivi luminosi prescritti in generale, delle luci di marcia diurna.

Le luci di marcia diurna, in ogni caso, non possono sostituire le luci di posizione, le luci della targa e le luci di ingombro se prescritte e, per i veicoli, i proiettori anabbaglianti da mezz'ora dopo il tramonto del sole a mezz'ora prima del suo sorgere. Non possono neanche sostituire tali dispositivi, pur se di giorno, nelle gallerie o nei casi di nebbia, di caduta di neve, di forte pioggia e in ogni altro caso di scarsa visibilità.

In simili periodi della giornata, luoghi o condizioni atmosferiche, infatti, l'utilizzo di tali dispositivi è imposto dall'articolo 153 del codice della strada e viene fatto salvo dalla previsione dell'articolo 152 che consente l'utilizzo delle eventuali luci di marcia diurna.






Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/09/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF