La denuncia della Dirstat in seguito alla nuova direttiva del 17 maggio 2016 dell'Agenzia delle Entrate
banditore che batte all'asta l'immobile

di Marina Crisafi - La pubblicità immobiliare è a rischio caos e il motivo è direttamente connesso alla direttiva dell'Agenzia delle Entrate n. 74638 del 17 maggio 2016. A denunciarlo è il sindacato dei dirigenti e direttivi della P.A. (Dirstat), con una nota a firma del vicesegretario generale Pietro Paolo Boiano.

Tale direttiva delinea, infatti, il nuovo assetto organizzativo sul servizio di pubblicità immobiliare (confluito dall'Agenzia del Territorio a quella delle Entrate con legge n. 135/2012, art. 23-quater, con separazione fisica tra gli uffici), disciplinando il conferimento degli incarichi di capo-reparto addetti negli uffici provinciali del territorio e prevedendo per la figura il possesso di requisiti soggettivi e il superamento di brevi corsi teorici.

Proprio per questo la direttiva è finita nel mirino del sindacato, intervenuto più volte sull'argomento su uno dei servizi più delicati del diritto civile.

"Va ribadita la peculiarità del servizio di pubblicità immobiliare e confermato il principio che il diritto ipotecario è un ramo complesso del diritto civile e richiede pertanto adeguata preparazione tecnico- giuridica, fermo restante che la teoria è un patrimonio culturale non certamente sufficiente ad affrontare e risolvere le tante difficoltà presenti nel quotidiano" afferma infatti Boiano nella nota. Un servizio che allo stato, sconta le criticità dell'operazione di incorporazione effettuata a suo tempo (oltre all'essere "in affanno" per la soppressione delle conservatorie) e che regge grazie "alla disponibilità al senso del dovere ed al grande impegno degli addetti ai lavori tant'è che non si registrano casi in cui lo Stato sia stato chiamato a risarcire danni causati a terzi".

È giusto pertanto che l'amministrazione finanziaria "intraprenda un percorso di rinnovamento e di formazione delle nuove leve - prosegue la nota, ma il rinnovamento dei ranghi deve - assicurare la buona continuità dell'azione amministrativa in termini di efficacia e di efficienza".

Sarebbe quindi "un errore fatale - denuncia Boiano - ritenere che bastino il possesso dei requisiti soggettivi e brevi corsi teorici per affrontare nuove esperienze di lavoro considerando che l'errore del responsabile del servizio, anche se di buona fede, non è riparabile, secondo il principio 'factum infectum fieri nequit', e può essere economicamente incommensurabile".

Il che significa, chiosa il vicesegretario "che se dall'errore deriva danno al terzo, lo Stato è chiamato al risarcimento, fatta salva, naturalmente, la instaurazione del giudizio di responsabilità dinanzi alla Corte dei Conti come avviene a carico dei pubblici dipendenti incolpati di danno erariale. In sintesi alla teoria necessita la pratica che va acquisita sul campo significando l'affiancamento di funzionari agli attuali responsabili del servizio".

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: