Sei in: Home » Articoli

Il passaporto elettronico: cos'è, come richiederlo e quanto costa

Guida completa al passaporto elettronico e vademecum della polizia di Stato
passaporti europei elettronici

Cos'è il passaporto elettronico

Estate è tempo di vacanze e di viaggi. Ma siamo sicuri di avere i documenti in ordine? Spesso, infatti, nella frenesia dell'organizzazione della partenza e con la testa già proiettata alla meta da raggiungere si dimentica di controllare, tempestivamente, una delle cose più essenziali: che i documenti siano in regola per il viaggio. Il che, nel peggiore dei casi, potrebbe voler dire scoprire che sono scaduti e dover rinviare la partenza, soprattutto, se si tratta del passaporto. 

Il possesso di tale documento infatti, che dall'ottobre 2006 è solamente in formato elettronico, è requisito essenziale per l'ingresso nella maggior parte dei paesi extraeuropei (consultare sempre per eventuali restrizioni o requisiti specifici il sito web www.viaggiaresicuri.it). 

Ma cos'è il passaporto elettronico? Si tratta di un libretto di 48 pagine, con microchip, a modello unificato rilasciato ai cittadini (da questure, rappresentanze diplomatiche, consolati), che sostituisce in tutto e per tutto il vecchio passaporto cartaceo. All'interno del passaporto elettronico, ci sono infatti tutti i dati anagrafici necessari, le fotografie di chi ne ha fatto richiesta e le impronte digitali per identificare il suo titolare. 

Di seguito, un breve vademecum redatto dalla polizia di Stato sulla pagina Facebook Una vita da social, contenente "tutte le domande (e le risposte)" per richiedere ex novo il passaporto o per rinnovarlo. 

La durata del passaporto

La durata del passaporto per i maggiorenni è decennale, mentre per i minorenni il termine si accorcia: tre anni per bambini da zero a tre anni; cinque anni per quelli dai tre ai 18 anni di età.

Una volta scaduto (la scadenza è riportata all'interno del documento) il passaporto non può più essere rinnovato ma occorre richiedere l'emissione di uno nuovo, composto "da 48 pagine di carta e dotato di un microchip con i dati anagrafici, la foto e le impronte digitali del titolare". 

Prestare attenzione, ricorda la polizia di Stato nel vademecum ad hoc sulla pagina Facebook Una vita da social, al fatto che in alcuni Paesi (come Canada, Cina, Brasile, Israele, ecc.) il passaporto italiano non è considerato valido negli ultimi sei mesi di "vita". Per cui, se bisogna recarsi in questi Stati, la domanda di rinnovo va presentata in tempo utile, prima della scadenza naturale del documento.

Come e dove richiedere il passaporto elettronico

Per richiedere un nuovo passaporto o rinnovarlo è preferibile prenotare un appuntamento. La prenotazione non è obbligatoria ma scrive la polizia "caldamente consigliata" onde evitare il rischio di non riuscire "nemmeno a presentare la domanda, in particolare d'estate e negli altri periodi di grande affollamento" giacchè "le agende sono già intasatissime". 

L'appuntamento può essere prenotato online sul sito www.passaportonline.poliziadistato.it, previa registrazione o nei comuni in cui è disponibile un servizio prenotazioni (come ad esempio Milano e Verona). 

Gli uffici a cui rivolgersi per richiedere il documento sono le questure e i commissariati e "in teoria" precisano gli agenti su FB anche nelle caserme dei carabinieri, ma si tratta di "una soluzione che viene sconsigliata e allunga i tempi" anche perché "per la registrazione delle impronte e della firma digitale, ci si dovrebbe recare dalla polizia".

I moduli da compilare sono reperibili sul sito www.poliziadistato.it

Il passaporto può essere richiesto anche nel luogo di domicilio e non solo in quello di residenza, ma anche in tal caso i tempi di rilascio si allungano, poiché occorre attendere il nulla osta della questura sotto la quale ricade l'indirizzo anagrafico del richiedente.

Quali documenti occorrono?

La documentazione da presentare è la seguente: il modulo scaricato dal sito della Polizia (facendo attenzione alla distinzione del modello per maggiorenni e minorenni), regolarmente compilato; un documento di riconoscimento valido e preferibilmente una fotocopia dello stesso. Occorrono anche due fotografie formato tessera, con sfondo bianco e viso scoperto. 

Possono essere tenuti gli occhiali da vista, purchè le lenti non siano colorate e la montatura non alteri la fisionomia del volto. Se si tratta di un genitore di un minore, inoltre, è necessario il consenso dell'altro genitore.

I costi del passaporto elettronico

Insieme alla documentazione, occorre presentare la ricevuta di pagamento dell'importo di euro 42,50, da versare esclusivamente con il bollettino di conto corrente numero 67422808 intestato al ministero dell'Economia e delle finanze - dipartimento del Tesoro.

La causale da indicare è: "importo per il rilascio del passaporto elettronico".

In tutti gli uffici postali sono disponibili i modelli precompilati.

Serve poi un contrassegno amministrativo da 73,50 euro, acquistabile nelle tabaccherie e nelle rivendite autorizzate.

La tassa annuale governativa del passaporto ordinario, pari a 40,29 euro, invece, dal 24 giugno 2014 (ai sensi dell'art. 5-bis del d.l. n. 66/2014) non è più dovuta

Si ricorda inoltre che il rilascio del passaporto è gratuito in alcuni casi (se il richiedente è considerato emigrante; è indigente; ecc.).

I figli minori

L'iscrizione dei figli minori, ricorda la Polizia, sul passaporto del genitore non è più contemplata dal 2 giugno 2012. Da tale data, per gli under 18 è previsto un documento di viaggio individuale, da richiedere negli stessi uffici della polizia. Le impronte digitali vengono prese anche ai minori che abbiano compiuto 12 anni.

Per la richiesta del passaporto per i figli minori è necessario l'assenso di ambedue i genitori e che il minore sia cittadino italiano. L'assenso fa firmato davanti al pubblico ufficiale della sede in cui viene presentata la domanda e la documentazione necessaria. In mancanza dell'assenso è richiesto il nulla osta del giudice tutelare. Se uno dei due genitori è impossibilitato a presentarsi, il richiedente può allegare una fotocopia del documento dell'assente e una dichiarazione scritta di consenso, firmati in originale.

Tempi di consegna

Una volta consegnati i documenti completi e a seconda dell'ufficio e del numero di richieste, i tempi d'attesa possono variare dai 4-5 giorni (in periodi ordinari) sino a due-tre settimane nei periodi estivi.

In alcuni casi, il passaporto può essere ottenuto con una procedura accelerata, se ricorrono motivi gravi ed urgenti (come questioni di salute, lavoro o studio) da dimostrare con certificati e attestazioni.

Il ritiro del passaporto elettronico

Il passaporto può essere ritirato anche da altra persona delegata maggiorenne. Occorre essere in possesso però della fotocopia del documento del titolare del libretto, di una delega legalizzata da un notaio o da un ufficiale dell'anagrafe, in carta semplice nonché del proprio documento d'identità.

Il passaporto può essere anche consegnato a domicilio da chi ne fa richiesta, dietro pagamento (in contrassegno) di un costo aggiuntivo di 8,20 euro. Chi vuole usufruire del servizio deve compilare e restituire la busta che viene consegnata presso l'ufficio della questura o del commissariato. Il codice presente sulla ricevuta rilasciata, servirà a tracciare e seguire la spedizione del plico.

Il passaporto per gli animali

Anche cani, gatti e furetti che viaggiano nei paesi europei, in base al regolamento dell'UE, devono avere un passaporto rilasciato dalle Asl, obbligatorio dall'ottobre del 2004. Per verificare che il documento corrisponda all'animale, le aziende sanitarie devono controllare la presenza del "microchip indicativo", che viene iniettato sotto la cute dai veterinari autorizzati.

La parte del corpo in cui si trova il microchip deve essere poi specificata nel documento unitamente al numero dello stesso.

Il passaporto deve contenere anche i dati anagrafici del proprietario dell'animale e le coordinate delle vaccinazioni richieste nei paesi di destinazione.

Ventiquattro ore prima della partenza, inoltre, l'animale deve essere visitato e dichiarato in condizioni di salute idonee per il viaggio da parte di veterinari abilitati che devono apporre il timbro di verifica nel documento stesso.

(08/07/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Avvocati: è necessario cancellarsi dall'albo per andare in pensione
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF