Sei in: Home » Articoli

Poste: addio "data certa"

Per i documenti elettronici il gruppo continua comunque ad offrire, per il tramite di Postel, il servizio "data certa digitale"
Poste Italiane raccomandata

di Valeria Zeppilli - Da qualche mese ormai (più precisamente dal 1° aprile 2016), le Poste hanno deciso di non offrire più il servizio "data certa", grazie al quale, per certificare la data di un documento, era sufficiente recarsi presso un ufficio postale e richiedere l'apposizione di un timbro su un documento previamente predisposto, stampato e rilegato in maniera tale da non poter essere modificato nelle pagine e corredato della dicitura, datata e sottoscritta, "si richiede l'apposizione del timbro per la data certa".

Considerando che ormai i documenti tendono sempre più alla dematerializzazione, il disagio c'è comunque ma è limitato.

Le Poste, infatti, per il tramite di Postel, continuano comunque a offrire il servizio ma nella sua versione digitale.

Tale servizio è idoneo ad apporre la cd. "data certa digitale" sulla documentazione elettronica, garantendone così l'integrità e la conservazione a norma di legge.

Sostanzialmente, la data certa digitale è idonea sia ad attestare la certezza della data e dell'ora in cui la marca è apposta, che ad attribuire in tal modo la medesima validità ai fini della certificazione di data e ora in cui è apposto un documento che offrono le procedure notarili e i pubblici uffici.

Il sistema utilizzato è l'EPCM, riconosciuto come standard nell'ambito UPU e, pertanto, idoneo a garantire anche a livello internazionale l'integrità e la non modificabilità del documento.


Leggi anche: "Documenti: come dare data certa"

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(01/07/2016 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Avvocati e privacy: basta una sola informativa
» Le norme anti-divano del reddito di cittadinanza
» La guida in stato di ebbrezza
» Cellulari: lo Stato deve informare sui rischi per la salute
» Esami avvocato, praticante ricorre e gli abbassano il voto, il Cds conferma
Newsletter f g+ t in Rss