Sei in: Home » Articoli

Crimini internazionali: contributo materiale ed elemento soggettivo della partecipazione nei Lager

Nota all'interessante sentenza della Corte d'Assise tedesca in materia di diritto penale internazionale

Abogado Francesca Servadei - Un importante contributo al diritto penale internazionale è stato dato dalla sentenza del 15 luglio 2015 k 1191 Js 98402/13 (9/14) pronunciata dal Landegericht di Lunebur, con la quale si pone l'attenzione sul contributo materiale e l'elemento soggettivo della partecipazione criminosa all'interno di determinate strutture, quali i lager; in tali strutture ed in modo particolare quelle caratterizzate da un apparato organizzativo ove vengono assegnate delle mansioni ad ogni singolo, si è applicata ai crimini internazionali, la responsabilità per le condotte di agevolazione.

La sentenza in esame ha riconosciuto la responsabilità penale ad un uomo di 94 anni per il reato di partecipazione concorsuale in omicidio aggravato, Mord, ascrivendo allo stesso la pena di quattro anni di reclusione, ma riservandosi di indicare se e quando vi sarà l'inizio dell'esecuzione e la modalità della stessa, vista l'età dal colpevole; l'imputato, membro delle SS, presente sulla rampa dei treni in arrivo, era addetto alla raccolta e custodia dei bagagli dei deportati nonché classificazione, catalogazione degli stessi e trasporto di oggetti di valore per poi consegnarli alle autorità.

Ai fini della responsabilità penale la giurisprudenza ha svolto un importante distinguo tra lager piccoli e lager grandi: nei primi la responsabilità penale è fuori dubbio, in quanto ogni condotta del personale era collegata all'evento di sterminio; mentre nei grandi lager, come per esempio Auschwitz e Majdanek, i giudici negavano l'applicazione automatica di tale principio richiedendo che fosse provato il contributo materiale, soggettivo o causale al singolo evento.

La pronuncia in esame cerca di spiegare il motivo ed il modo per il quale la condotta dell'imputato abbia rappresentato un contributo causale all'evento. I giudici hanno soffermato l'attenzione sull'elemento soggettivo e quello oggettivo del reato. Con il primo hanno escluso che l'imputato fosse ignaro di quanto accadesse nel lager; con il secondo i giudici hanno concentrato l'attenzione sulla presenza dell'imputato, quindi presenza fisica dello stesso sulle rampe delle scale, all'arrivo dei convogli. La Corte d'Assise del Landegericht ha considerato la presenza dell'imputato, in divisa ed armato, non solo deterrente, ma anche freno alla possibilità di fuga e di ribellione da parte dei deportati consentendo quindi che l'evento si verificasse. Il contributo causale dell'imputato è stato ravvisato anche nel fatto che tra le mansioni vi era quella di raccolta del denaro e di portare quest'ultimo a Berlino mettendolo quindi a disposizione degli autori dei crimini. Assodato l'elemento oggettivo e soggettivo del reato la Corte d'Assise ha soffermato l'attenzione anche riguardo all'elemento soggettivo relativo all'efficacia causale, ritenendo che l'imputato non poteva non conoscere l'effetto della sua presenza sul luogo;anzi a rafforzare questa posizione dei giudici tedeschi sono state le stesse dichiarazioni dell'imputato con le quali il novantaquattrenne ha affermato la propria "comodità all'obbedienza", rendendosi quindi consapevole e pertanto corresponsabile di quanto accaduto.

La "comodità all'obbedienza" si concretizzava nella paura di essere deportato nel fronte russo, come era accaduto al fratello poi deceduto, ma questa giustificazione non essendo stata avanzata da alcuna istanza di stato di necessità scriminante, è stata valutata autonomamente dai giudici, i quali ne hanno escluso la sussistenza.

ABOGADO FRANCESCA SERVADEI-

STUDIO LEGALE SERVADEI

CORSO GIACOMO MATTEOTTI NUM. 49

ALBANO LAZIALE (ROMA)

TEL 069323507

CELL: 3496052621

E-MAIL: francesca.servadei@libero

(09/07/2016 - Avv.Francesca Servadei)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss