Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Se l'avvocato non tenta la strada stragiudiziale, il cliente va risarcito delle spese di lite

L'assicurazione professionale paga solo le spese rifuse alla controparte ma non si fa carico della restituzione degli onorari del legale
avvocato stupito che indossa una toga

di Valeria Zeppilli – Se l'avvocato "dimentica" di avanzare stragiudizialmente una richiesta di risarcimento dei danni subiti dal suo cliente e avvia subito una causa, il rischio è che egli sia chiamato a rimborsare il suo assistito, se soccombente, delle spese di giudizio sostenute.

Con la sentenza numero 129/2016, infatti, il Tribunale di Ravenna ha condannato un legale a pagare le predette spese per non aver tentato la via stragiudiziale e, così, aver fatto cagionato la soccombenza del suo cliente in giudizio per difetto della condizione di cui all'articolo 287 del decreto legislativo numero 209/2005 (codice delle assicurazioni private). In base a tele norma, "l'azione per il risarcimento dei danni causati dalla circolazione dei veicoli e dei natanti, per i quali vi e' obbligo di assicurazione, puo' essere proposta solo dopo che siano decorsi sessanta giorni da quello in cui il danneggiato abbia chiesto il risarcimento del danno, a mezzo raccomandata".

Il nesso di causalità è evidente: se rispettando un onere di facile e rapido adempimento il legale non si fosse affrettato a fare causa ma avesse avanzato le proprie richieste per conto del suo assistito stragiudizialmente, la condanna di quest'ultimo alle spese di lite non sarebbe arrivata.

Del resto, nel successivo giudizio l'uomo ha avuto ragione.

Fortunatamente l'avvocato ha un'assicurazione professionale che lo tutela, anche se solo in parte.

Secondo un orientamento ormai consolidato della Corte di cassazione, infatti, il rischio coperto è solo quello relativo al risarcimento dei danni subiti dal cliente, mentre non potrà essere l'assicurazione a farsi carico anche della restituzione del compenso percepito.

L'obbligazione di restituzione, insomma, non rientra tra quelle che rientrano nel contratto di assicurazione professionale.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(29/04/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Casa familiare all'ex anche se la figlia va all'università fuori città
» Arriva la riforma del processo civile
» Agevolazioni legge 104
» Arriva la riforma del processo civile
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali

Newsletter f g+ t in Rss