Sei in: Home » Articoli

Negoziazione assistita: per separarsi l'avvocato ha bisogno di un avvocato!

In assenza del giudice gli avvocati assumono un ruolo diverso e ben più delicato, che rende concreto il rischio di una commistione di interessi
divorzio separazione lite

di Valeria Zeppilli - Nel nostro ordinamento, in via generale, l'avvocato può rappresentare se stesso nei giudizi in cui è coinvolto personalmente. Tale regola, però, inizia a conoscere alcune eccezioni.

Con un recente provvedimento, la Procura della Repubblica presso il Tribunale civile di Palermo ha infatti chiarito che non è possibile per i legali difendersi da soli nei procedimenti di negoziazione assistita previsti per la separazione personale dei coniugi.

In caso contrario, infatti, si rischierebbe un'illecita commistione tra rapporto coniugale e rapporto professionale.

Nel procedimento introdotto dall'articolo 6 della legge numero 132/2014, del resto, non può ritenersi applicabile quanto previsto dall'articolo 86 del codice di procedura civile, che regolamenta la difesa personale della parte senza escludere le cause di famiglia. Il motivo è di facile intuizione: manca il giudice, soggetto terzo che gestisce i rapporti e decide del merito.

Con la conseguenza che, stante tale assenza, nella negoziazione assistita gli avvocati assumono un ruolo diverso e ben più delicato, che rende concreto il rischio di una commistione di interessi.

Così, nel caso sottoposto all'attenzione della Procura della Repubblica siciliana, l'accordo di separazione raggiunto sotto forma di negoziazione assistita tra un avvocato e sua moglie è stato dichiarato inammissibile.

Peraltro, considerando che la negoziazione prevede la presenza di almeno un avvocato per parte, ammettere la gestione autoassistenziale della procedura potrebbe far sì che, se i coniugi sono entrambi avvocati, si creerebbe una situazione in cui la negoziazione non sia altro che un quadro dei litigi domestici.

Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(23/04/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: polizza infortuni a metàAvvocati: polizza infortuni a metà
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF