Sei in: Home » Articoli

La casa data al figlio per metter su famiglia non torna ai genitori

Il comodato ordinario viene meno solo se mancano le esigenze a cui il negozio risponde o per urgente bisogno del comodante
padre preoccupato mentre moglie e figlia sono sedute sul divano
di Lucia Izzo - La madre che dà in comodato al figlio una casa, affinché costui possa metter su famiglia, non può pretenderla indietro dopo che i rapporti si sono deteriorati appigliandosi all'ipotesi di contratto "precario" prevista dall'art. 1810 c.c.; infatti, se l'immobile è adibito a un uso determinato, il contratto rientra nell'ipotesi di comodato ordinario, il cui termine finale coincide con il venir meno delle esigenze alle quali il bene oggetto del negozio risponde, se non è diversamente stabilito dalle parti un termine ad hoc.

Lo ha disposto il Tribunale di Fermo, sentenza 34/2016, pubblicata dalla sezione civile (giudice onorario Rossella Maurizi) che ha ritenuto fondata l'istanza di parte resistente, ovverosia del figlio dell'attrice, donna dal cospicuo patrimonio in quanto proprietaria di diversi immobili ottenuti a seguito di sentenza di divorzio

Tuttavia, non vi è dubbio che il contratto di comodato stipulato con il figlio, affinché adibisca l'immobile a sua casa familiare, non sia precario, ma a uso determinato, con la conseguenza che il comodante deve garantirne un godimento continuato per l'uso previsto dal contratto, che è stato anche regolarmente registrato presso l'Agenzia delle entrate.

La madre, inoltre, non ha mai contestato la destinazione dell'immobile, come emerge anche dalla prova orale acquisita che dimostra "per tabulas" quanto sostenuto da parte resistente.
È l'attrice, invece, che non riesce a fornire la prova di un "urgente e imprevisto bisogno", serio e ritualmente documentabile (quindi non astratto), tale da giustificare, ex art. 1809 c.c., la restituzione dell'appartamento
(12/04/2016 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss