Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sì al mantenimento anche se lei convive con un altro

La mancanza di condivisione delle spese col nuovo compagno e l'instabilità della convivenza non fanno cadere il contributo a carico dell'ex marito
donna che fa firmare mantenimento al marito in presenza di altro convivente

di Marina Crisafi - Se la ex si rifà una nuova vita con un altro uomo, il marito è tenuto comunque a mantenerla. Lo ha disposto la Cassazione, con l'ordinanza n. 4175/2016, depositata ieri (qui sotto allegata) rigettando il ricorso di un uomo che chiedeva la revoca dell'assegno di divorzio disposto dalla Corte d'appello in favore dell'ex moglie che ormai notoriamente aveva intrapreso una convivenza con un altro.

Per gli Ermellini, infatti, la sentenza dei giudici di secondo grado non fa una piega.

Gli stessi hanno evidenziato che, a fronte del reddito percepito dal marito (pari a oltre 18mila euro annui) per il lavoro di operatore ecologico comunale, la donna non dispone di redditi adeguati, svolgendo attività lavorativa saltuaria e "in nero", avendo visto revocata anche l'assegnazione della casa familiare, poiché l'unico figlio 35enne era ormai autonomo economicamente e non più convivente e, infine, non risultando che la relazione con il nuovo compagno fosse caratterizzata da stabilità della convivenza o da condivisione delle spese.

Per di più, "il ricorrente non ha dedotto di subire ripercussioni negative sul reddito, derivante dall'attività di dipendente (operatore ecologico) del Comune, per effetto delle sue condizioni di salute".

Per cui, la donna conserva il diritto all'assegno di divorzio e l'uomo si dovrà rassegnare a pagare 250 euro mensili oltre alle spese di giudizio.

Cassazione, ordinanza n. 4175/2016
(03/03/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF