Sei in: Home » Articoli

Whatsapp: attenti al gruppo che blocca il telefono

Allarme della Polizia Postale sul nuovo virus che prende in ostaggio i dati
telefono in mano con accesso whatsapp

di Marina Crisafi – Dopo quello nascosto nel download delle emoticon e il sedicente aggiornamento di sistema, un nuovo virus ha preso di mira la più nota app al mondo di messaggistica istantanea. A lanciare l'allarme è la polizia postale che avverte: non aprite quel messaggio. Il messaggio in questione appare con una notifica recante il seguente testo: "Whatsapp ti ha aggiunto al gruppo Whatsapp".

Se dovesse arrivarvi una notifica di questo tipo, allerta la polizia "bisognerà stare in guardia", perché basterà aprire il messaggio per dire addio al vostro telefono: il virus infatti è in grado di bloccare letteralmente lo smartphone (sia su iOS che su Android) prendendo in ostaggio i vostri dati personali e chiedendo un riscatto per poter riacquisire il controllo del dispositivo.

In particolare, continua la nota della polizia, nella conversazione potrebbe apparire il seguente messaggio (da un numero con prefisso +44): "Congratulazioni, il tuo numero di telefono +39XXXXXXXXXX è stato selezionato casualmente come dispositivo mobile fortunato di oggi! Hai un (1) premio non reclamato. Reclama il tuo premio ora!". In allegato, ci sono contenuti multimediali e scheda contatto.

Il consiglio – valido genericamente per qualsiasi file da contatti sconosciuti – è dunque quello di non cliccare sul file multimediale, uscire immediatamente dalla chat e bloccare il mittente.

(22/02/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione e obbligo iscrizione gestione separata Inps: quali conseguenze per gli avvocati?
» Separazione dei coniugi: per la Cassazione nessuna violazione dolosa se il provvedimento del giudice è troppo generico
» Multe e atti giudiziari: addio alla comunicazione di avvenuta notifica (CAN)
» Carburanti: da luglio obbligo di fattura elettronica per imprese e professionisti
» Cassazione e obbligo iscrizione gestione separata Inps: quali conseguenze per gli avvocati?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss