Sei in: Home » Articoli

Divieto di pignorare cani e gatti: in vigore da martedì

In Gazzetta Ufficiale il collegato ambientale che modifica l'art. 514 del codice di procedura civile
yorkshire a riposo

di Marina Crisafi – Che si tratti di un cane o di un gatto, piuttosto che di una gallina, un criceto o un coniglio nano, qualsiasi animale tenuto per compagnia ed affetto dal debitore non potrà più essere pignorato.

Il divieto è sancito dalla legge n. 221/2015, c.d. collegato ambientale, approvata a fine dicembre dalla Camera dei Deputati (leggi: "Vietato pignorare cani e gatti: il divieto è legge"), e approdata nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale, per entrare in vigore il prossimo 2 febbraio.

Se fino ad oggi, dunque, la legge consentiva che gli animali di casa potessero essere pignorati e finire all'asta, alla stessa stregua di un televisore o di un'auto, in caso di debiti del loro padrone (ipotesi per nulla astratta considerato l'aumento dell'11,6% dei pignoramenti negli ultimi anni, oltre quota 52mila in valore assoluto), d'ora in poi, questo sarà assolutamente vietato.

Nello specifico, infatti, la legge interviene sull'art. 514 del codice di procedura civile, in materia di cose mobili assolutamente impignorabili, aggiungendo due commi appositi: il 6) bis che vieta in assoluto la pignorabilità di qualsiasi animale d'affezione o da compagnia tenuto "presso la casa del debitore o negli altri luoghi a lui appartenenti, senza fini produttivi, alimentari o commerciali; e il 6) ter, che estende il medesimo divieto agli animali "impiegati ai fini terapeutici o di assistenza del debitore, del coniuge, del convivente o dei figli".

Vai al codice di procedura civile aggiornato al 2016

(26/01/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF