Sei in: Home » Articoli

Separazione: niente lite temeraria al marito che ha proposto una domanda di addebito infondata

Il coniuge che ha richiesto infondatamente l'addebito non può essere condannato se non è rimasto soccombente rispetto a tutte le domande dell'altro coniuge
divorzio separazione coppia litigano
di Valeria Zeppilli - Con un'interessante recente sentenza, la numero 1339/2015, la quinta sezione civile della Corte di Appello di Milano ha sancito che un coniuge può essere condannato per lite temeraria ex art. 96, comma 3, c.p.c., solo se è rimasto integralmente soccombente nel giudizio di separazione personale.

Solo in tale ipotesi, infatti, può eventualmente reputarsi che egli abbia agito con mala fede o colpa grave.

Il coniuge che ha richiesto l'addebito, invece, non può essere condannato per lite temeraria, anche se la sua domanda sia poi risultata infondata, se non è rimasto soccombente in primo grado rispetto a tutte le domande che l'altro coniuge abbia proposto.

Nel caso di specie, il Tribunale di primo grado aveva dichiarato la separazione personale tra i coniugi addebitandola al marito, ma non solo.

Nel disporre il mantenimento della moglie aveva notevolmente ridotto le pretese economiche vantate dalla donna.

Quindi, anche se l'uomo ha proposto una domanda di addebito della separazione nei confronti della moglie risultata poi infondata, egli non è rimasto integralmente soccombente rispetto alle pretese della ex coniuge.

Proprio in considerazione di ciò, non sarebbe pertanto corretto condannarlo per lite temeraria.

Oltretutto, la domanda di addebito proposta dal marito non ha prodotto alla ex moglie danni significativi, anche in ragione del fatto che le prove dedotte a suo sostegno non sono neanche state ammesse.

La donna deve quindi rassegnarsi: nessuna condanna ex art. 96 c.p.c. graverà sul marito.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche - Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara
(16/12/2015 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: ecco la bozza
» Cassazione: illegittima la sentenza che liquida solo spese vive senza onorari
» Cassazione: bigenitorialitÓ non vuol dire tempi uguali coi figli
» Legge 104: congedo straordinario anche al figlio non convivente
» RcAuto, pagare a rate non conviene
Newsletter f g+ t in Rss