Sei in: Home » Articoli

Azione revocatoria ordinaria: anche il credito 'eventuale' legittima l'esperimento dell'azione

Così per la Cassazione il legatario può ricorrere a tale rimedio anche nel caso in cui il suo credito sia contestato giudizialmente
martello con dietro un libro
di Valeria Zeppilli – Con la recente sentenza numero 23666/2015, depositata il 19 novembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha offerto un interessante contributo in materia di azione revocatoria.

In particolare, i giudici hanno chiarito che, ai fini dell'esercizio dell'azione prevista dall'articolo 2901 del codice civile, i crediti devono essere intesi in senso lato e di essi vanno valutate anche la ragione o l'aspettativa.

Così, non assumono rilevanza i normali requisiti di certezza, liquidità ed esigibilità.

Insomma: anche il credito eventuale, in quanto contestato o litigioso, fa insorgere la qualità di creditore e legittima l'esperimento dell'azione revocatoria ordinaria avverso gli atti di disposizione compiuti dai debitori.

Di conseguenza, il legatario è legittimato ad avvalersi di tale rimedio in caso di vendita di un appartamento che rientra nell'asse ereditario anche nel caso in cui il suo credito sia contestato giudizialmente.

Per la Corte, infatti, tale credito deve ritenersi insorto nel momento in cui è stata aperta la successione del de cuius.

Sulla base di tali presupposti devono, pertanto, reputarsi fondate le doglianze della ricorrente, che lamentava l'erroneità della valutazione dei giudici del merito, i quali avevano ritenuto insorto il credito della donna nel momento in cui, sulla questione contestata del suo legato, era stata emessa sentenza definitiva.

Essi, infatti, correttamente avrebbero dovuto considerare il credito come esistente già dal momento in cui il testamento era stato pubblicato.


Corte di cassazione testo sentenza numero 23666/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/11/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss