Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Scuola: sì al risarcimento all'alunno che cade per il dispetto di una compagna

Per la Cassazione, la prova liberatoria è raggiunta solo se si dimostra che la natura repentina e imprevedibile del fatto dannoso ha impedito un intervento tempestivo ed efficace
scuola docente docenti prof insegnante

di Valeria Zeppilli - Con la sentenza numero 23202/2015, depositata il 13 novembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha ritenuto responsabile la scuola (e quindi il Ministero dell'istruzione) per la caduta di un bambino in classe, sotto gli occhi del bidello e in assenza della maestra. 

Ciò, stravolgendo le decisioni di entrambi i gradi del merito. 

In particolare, nella vicenda sottoposta all'attenzione della Corte, il piccolo si era fratturato il coccige a causa della condotta di un'altra allieva, che aveva sottratto la sedia sulla quale lo sfortunato compagno stava per sedersi. 

Per i giudici, lo scolaro va necessariamente risarcito. 

Infatti, di certo deve ritenersi dirimente, in generale, la dimostrazione, da parte dell'insegnante, di aver esercitato la vigilanza nella misura dovuta e che l'azione dannosa sia in concreto imprevedibile e repentina

Tuttavia, se, come nel caso di specie, mancano le misure organizzative più elementari per mantenere la disciplina, l'imprevedibilità non può essere invocata

Insomma: per superare la presunzione di responsabilità che l'articolo 2048 del codice civile pone in capo ai maestri e ai precettori, è necessario innanzitutto provare che, preventivamente, sono state adottate tutte le misure idonee a evitare l'insorgere di una situazione di pericolo per gli allievi. 

Tuttavia va provato anche che il fatto dannoso comunque verificatosi, per la sua natura repentina e imprevedibile, ha impedito un intervento tempestivo ed efficace

In assenza di tale dimostrazione la prova liberatoria non può ritenersi raggiunta. 


Leggi anche la guida legale sulla responsabilità scolastica

Corte di cassazione testo sentenza numero 23202/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(14/11/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero

Newsletter f g+ t in Rss