Sei in: Home » Articoli

Donazione degli organi: il consenso sarÓ riportato nella carta d'identitÓ

Lo prevedono le linee guida pubblicate dai ministeri dell'interno e della salute in allegato
medici operazione medico

di Marina Crisafi - L'assenso (o il diniego) alla donazione degli organi potrÓ essere riportato nella carta d'identitÓ. A prevederlo sono le linee guida redatte e pubblicate di concerto dai ministeri dell'interno e della salute (qui sotto allegate), per consentire ai cittadini maggiorenni di manifestare la propria volontÓ di donare o meno organi e tessuti in caso di morte cerebrale, direttamente negli uffici comunali al momento del rilascio o del rinnovo del documento d'identitÓ.

Si tratta di una facoltÓ, e non di un obbligo, specificano i ministeri, che potrÓ essere esercitata soltanto dietro richiesta e sottoscrizione da parte degli interessati (appunto, all'atto del rilascio o del rinnovo della carta d'identitÓ) di una dichiarazione apposita contenuta in un modulo standard.

SpetterÓ ai comuni che hanno ricevuto la dichiarazione, trasmettere, unitamente ai dati anagrafici del soggetto, il tutto al Sistema Informativo Trapianti (SIT), ossia il database nazionale delle manifestazioni di volontÓ in materia di espianti che sarÓ consultato (dai Centri regionali per i trapianti) ogni qualvolta ci sarÓ bisogno di potenziali donatori in stato di accertamento di morte cerebrale.

Resta inteso che la volontÓ precedentemente manifestata e registrata nel SIT potrÓ essere cambiata in qualsiasi momento dall'interessato mediante richiesta all'Asl di appartenenza, ai centri regionali per i trapianti o agli uffici anagrafe comunali ricompilando l'apposito modulo.

Linee guida donazione organi
(06/08/2015 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» L'avvocato non pu˛ accettare compensi esigui
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» In arrivo pi¨ ferie e ponti per tutti
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi