Sei in: Home » Articoli

Il Parlamento Europeo invita gli Stati Membri ad introdurre il reddito di cittadinanza

Urgente adottare misure contro la povertà in Italia e Grecia
povero povertà
Via libera al reddito di cittadinanza da parte dell'UE. Il Parlamento Europeo ha infatti approvato la nuova "Relazione per le politiche degli Stati membri a sostegno dell'occupazione", un documento annuale con cui Bruxelles traccia le linee guida per uscire dalla crisi occupazionale che ormai da diversi anni attanaglia l'Europa. 
All'interno di tale relazione spicca il capitolo relativo alle misure straordinarie contro la povertà: il Parlamento Europeo invita gli Stati Membri che ancora non si sono adeguati (Italia e Grecia) ad introdurre al più presto il reddito di cittadinanza, uno strumento che serve dare un sostegno a quella fetta di popolazione che vive in condizioni di povertà a causa della mancanza di lavoro o di un reddito insufficiente.

In Europa un cittadino su quattro vive al di sotto della soglia di povertà, ma in 26 stati su 28 è presente il reddito di cittadinanza, oltre a numerose misure straordinarie a sostegno dell'occupazione.

Ad oggi, solo l'Italia e la Grecia non hanno ancora attivato alcun intervento a sostegno degli indigenti e faticano a trovare soluzioni efficaci per ridurre il tasso di disoccupazione, sebbene siano stati fra i paesi più efficienti nel recepire i diktat dell'UE in tema di austerity

I cittadini italiani e greci, che hanno subito e subiscono ancora la spada di Damocle dell'austerity, senza il reddito di cittadinanza vivono oggi una condizione di profonda disparità di diritti nei confronti dei loro colleghi europei, che non può più essere ignorata dai rispettivi governi.
(12/07/2015 - A.V.)
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss