Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Quando il contratto di apprendistato diventa rapporto di lavoro a tempo indeterminato

Cosa accade se non interviene il recesso scritto del datore di lavoro preceduto da preavviso
Operaio al lavoro con una sega a nastro
di Giovanna Molteni
Un contratto di apprendistato professionalizzante è da considerarsi a tempo indeterminato qualora, al termine del rapporto, non sia intervenuto un recesso scritto preceduto da preavviso?

Per rispondere a questo interrogativo, va chiarito preliminarmente quali sono gli elementi connotanti tale tipologia di contratto di lavoro. 

Nel sinallagma contrattuale alla funzione di scambio (prestazione contro retribuzione) si affianca la causa formativa, essendo il datore di lavoro tenuto a garantire all'apprendista la necessaria formazione professionale. 

Nel periodo formativo il datore di lavoro può recedere solo per giusta causa o giustificato motivo, anche anteriormente alla scadenza del termine per il compimento dell'addestramento e senza incorrere negli obblighi risarcitori caratteristici del recesso ante tempus previsti per il contratto a tempo determinato.

Alla scadenza del contratto, il datore può decidere di recedere indipendentemente dall'acquisizione o meno della professionalità che ha costituito l'obiettivo formativo del rapporto. In tal caso dovrà dare al lavoratore formale disdetta con l'osservanza del periodo di preavviso

Con la disdetta il datore di lavoro manifesta legittimamente la volontà di non trasformare l'apprendistato in un normale rapporto a tempo indeterminato

Tale disdetta intimata al termine del rapporto nel rispetto del preavviso ha natura di negozio unilaterale recettizio e di fatto costituisce un recesso ad nutum da considerarsi legittimo

Se invece il recesso non interviene, il rapporto di lavoro prosegue a tempo indeterminato.
(07/06/2015 - Giovanna Molteni)
In evidenza oggi:
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Affido condiviso: sì alla shared custody dei figli
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Le misure cautelari personali coercitive
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss