Sei in: Home » Articoli

Affittopoli: interviene Garante Privacy

Milano (e non solo) è sconvolta in questi giorni dallo scandalo affittopoli, ossia della scoperta che tantissime unità immobiliare, in gestione a enti controllati dal Comune, il cui compito era l'assegnazione degli immobili stessi con spirito di finalità sociali, erano, invece, state vendute o affittate a uomini politici e manager pubblici, a prezzi notoriamente sotto quelli di mercato, con una pratica di favoritismi che ha sconcertato l'opinione pubblica e che ha spinto il Sindaco Letizia Moratti a rimuovere il presidente del cda del Pio Albergo Trivulzio, che di dimissioni non voleva sentirne parlare. Adesso, è intervenuto anche il Garante della Privacy, per rispondere a quanti accusano l'autorità di garanzia dei dati personali di avere ostacolato la conoscenza dei nominativi degli affittuari, che poi ha scatenato lo scandalo. Il Garante, invece, ha voluto confermare che la protezione dei dati personali di coloro che vivono negli immobili ceduti in locazione non ha mai impedito la conoscenza di tali famiglie, perché, fatti fermi alcuni principi, è stato senz'altro possibile a consiglieri comunali e provinciali accedere ai nominativi. Il Garante ribadisce la necessità di non ledere la dignità delle persone coinvolte e l'esigenza di non divulgare nomi e dati all'opinione pubblica inutilmente, quindi, di procedere con attenzione alla loro divulgazione.
(28/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF