Sei in: Home » Articoli

Sanzioni fiscali sui lavoratori in nero a decorrere dal primo gennaio

Le sanzioni irrogate dall'Agenzia delle entrate, per ciascun lavoratore, devono essere calcolate per il periodo compreso dall'inizio dell'anno al giorno dell'ispezione a meno che l'azienda non provi l'effettivo inizio delle attività dei dipendenti in nero. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 11215 del 7 maggio 2010, ha accolto il ricorso del fisco. Gli ispettori si erano recati presso il bar il 18 marzo del 2004 e avevano accertato l'impiego di due dipendenti in nero. Per questo avevano irrogato una sanzioni calcolando che i due erano impiegati nell'attività dall'inizio dell'anno. L'azienda aveva impugnato l'atto impositivo del fisco e aveva vinto. Di conseguenza, l'Agenzia delle entrate ha fatto ricorso in Cassazione, la quale ha dato ragione al Fisco. Secondo la sezione tributaria, infatti, il calcolo delle sanzioni va fatto a partire dall'inizio dell'anno e non solo, come avevano invece sostenuto i giudici di secondo grado, in relazione al giorno dell'ispezione.
In particolare in sentenza si legge che "incombe sul datore di lavoro l'onere della prova in merito all'inizio dell'irregolare rapporto di lavoro in data diversa da quella del primo giorno dell'anno di accertamento".
(30/05/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittimeViolenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF