Sei in: Home » Articoli

Cassazione: licenziabili i dipendenti che litigano solo se c'è uno contatto fisico violento

La Corte di Cassazione, con sentenza 26 marzo 2010, n. 7383 ha stabilito che la rilevanza disciplinare del litigio sul posto di lavoro, ai fini del licenziamento del dipendente, è subordinata alla condizione che dal litigio si passi alle "vie di fatto", implicanti cioè un contatto fisico violento fra i due litiganti, tale da integrare gli estremi delle percosse, anche se non necessariamente delle lesioni personali. Insomma se non c'è un contatto fisico violento, una lite tra colleghi sul posto di lavoro non può diventare una valido motivo per il licenziamento.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/04/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF