Sei in: Home » Articoli

Il lavoratore non deve versare le imposte sul danno da demansionamento

Non sono imponibili le somme percepite dal lavoratore a titolo di danno da demansionamento. La Cassazione, con la sentenza n. 6754 del 19 marzo 2010, ha accolto il ricorso di un contribuente sottolineando che è soggetto a imposte il denaro percepito dal dipendente a titolo risarcitorio solo quando "abbia la funzione di reintegrare un danno concretatosi nella mancata percezione di redditi". Quindi, sono esclusi dal prelievo fiscale anche le indennità elargite dall'azienda "a titolo di risarcimento del danno, per la reintegrazione delle energie psicofisiche spese dal lavoratore oltre l'orario massimo di lavoro esigibile". Tale decisione avvalla la giurisprudenza secondo cui "in tema di impo¬ste sui redditi, in base al dettato del D.P.R. 22 di¬cembre 1986, n. 917, art. 6, comma 2, le somme percepi¬te dal contribuente a titolo risarcitorio possono co¬stituire reddito imponibile, ma solo quando abbiano la funzione di reintegrare un danno concretatosi nella mancata percezione di redditi".
(27/03/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF