Sei in: Home » Articoli

Fisco: niente tasse su incentivi agli studenti meritevoli

L'Agenzia delle Entrate rende noto che gli incentivi economici erogati a favore degli studenti più meritevoli nella fascia di età compresa tra i 14 e 18 anni non sono tassabili. Lo rende noto l'Agenzia delle entrate che a seguito di una nuova analisi della materia è arrivata ad interpretare le disposizioni previste nel decreto legislativo n.262 del 29 dicembre 2007, in maniera opposta rispetto alla risoluzione n.156 del 12 giugno 2009. Nel caso di specie, infatti, l'istante poneva tale quesito: una volta riconosciuti tali “benefici di tipo economico”, devono o no essere soggetti a ritenuta? La risoluzione suindicata dava una risposta positiva al quesito posto, affermando che l'art. 50, comma 1, lett. c), del TUIR “qualifica redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente “le somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale se il beneficiario non è legato da rapporti di lavoro dipendente nei confronti del soggetto erogante.” In seguito però ad una nuova interpretazione delle disposizioni, su indicazione del Ministro Giulio Tremonti, tali benefici economici non vanno tassati, in quanto “gli incentivi perseguono la finalità di interesse generale di stimolare e accrescere in senso ampio l'interesse degli studenti al conseguimento di un più elevato livello di formazione culturale e professionale”, secondo quanto si apprende dalla nota diffusa dall'Agenzia delle Entrate.
(02/11/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF