Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pazienti gravi? Reato dirottarli a clinica privata

Roma (Adnkronos) - E' reato 'dirottare' in clinica privata il paziente grave che si rivolge alla struttura pubblica per essere curato. Il medico, anche di fronte alle lunghe liste d'attesa e alla carenza di posti letto, deve fare tutto il possibile per operarlo immediatamente in una struttura pubblica. Se l'ospedale prescelto e' 'pieno', il paziente va avviato presso altra struttura disponibile, purche' pubblica. Diversamente, per il professionista scatta una pesante condanna penale che prevede anche il carcere, oltre all'interdizione dai pubblici uffici.
A garantire ai cittadini il diritto di cura nelle strutture pubbliche e' la Cassazione che si e' occupata del caso di un medico 50enne ferrarese, Emanuele Gozzo, indagato per abuso d'ufficio e truffa aggravata per aver appunto dirottato in una clinica privata pazienti gravi che si erano rivolti alla struttura pubblica, ''facendosi pagare parcelle milionarie per prestazioni effettuate come professionista privato''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/02/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF