Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pazienti gravi? Reato dirottarli a clinica privata

Roma (Adnkronos) - E' reato 'dirottare' in clinica privata il paziente grave che si rivolge alla struttura pubblica per essere curato. Il medico, anche di fronte alle lunghe liste d'attesa e alla carenza di posti letto, deve fare tutto il possibile per operarlo immediatamente in una struttura pubblica. Se l'ospedale prescelto e' 'pieno', il paziente va avviato presso altra struttura disponibile, purche' pubblica. Diversamente, per il professionista scatta una pesante condanna penale che prevede anche il carcere, oltre all'interdizione dai pubblici uffici.
A garantire ai cittadini il diritto di cura nelle strutture pubbliche e' la Cassazione che si e' occupata del caso di un medico 50enne ferrarese, Emanuele Gozzo, indagato per abuso d'ufficio e truffa aggravata per aver appunto dirottato in una clinica privata pazienti gravi che si erano rivolti alla struttura pubblica, ''facendosi pagare parcelle milionarie per prestazioni effettuate come professionista privato''.
(27/02/2003 - Roberto Cataldi)
Le pių lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: č nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sė alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sė alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF