Sei in: Home » Articoli

Decreto- legge sicurezza e stalking: si definitivo dell'assemblea

Il decreto legge sulla pubblica sicurezza e sullo stalking è definitivamente stato approvato dall'assemblea con 261 voti favorevoli, 3 contrari e 1 astenuto. Il decreto, recante “misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori”, ha visto il visto contrario della delegazione radicale nel Gruppo PD, Poretti e Perduca e del senatore Pardi che han annunciato la propria astensione. “Il reato di atti persecutori, comunemente denominato stalking, previsto con l'inserimento nel codice penale dell'articolo 612-bis, prevede una condotta reiterata di minaccia e molestia che comporti perdurante stato di ansia e di paura, timore per l'incolumità propria e dei congiunti. E' un reato che viene considerato punibile a querela della persona offesa, ma che può essere anche sanzionato d'ufficio nei casi aggravati, cioè se viene condotto nei confronti di minori o di altre categorie ovvero a seguito del procedimento di ammonimento”, con queste parole il Senatore Cantaro, ha commentato l'approvazione del decreto. Con l'approvazione de decreto, il nostro codice penale verrà modificato con l'introduzione di una nuova fattispecie di reato, in particolare, il codice contemplerà il fatto di chi “con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero a costringere lo stesso ad alterare le proprie scelte o abitudini di vita”, come si legge dal testo del nuovo art.612-bis del codice penale.
Le modifiche toccheranno anche il codice di procedura penale, con un grande ampliamento delle misure cautelari personali in riferimento a reati come tratta e riduzione in schiavitù delle persone, il sequestro di persone, i reati di terrorismo, prostituzione minorile, pornografia minorile e iniziative turistiche volte al favoreggiamento della prostituzione minorile.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/04/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF