Sei in: Home » Articoli

MoCAM: un modello per il calcolo dell'assegno di mantenimento in caso di separazione dei coniugi

Gli effetti di una rottura coniugale sono numerosi e coinvolgono questioni psicologico-affettive, mutamenti di stile di vita, limitazioni delle scelte e delle opportunità dei soggetti coinvolti, aspetti economici. Qui ci si limita a considerare un particolare aspetto economico, che, tuttavia può avere notevole impatto sulla possibilità di stabilire, tra coniugi separati, un rapporto sereno: come destinare il "giusto" ammontare dell'assegno che un coniuge deve corrispondere a favore dei figli e/o dell'altro coniuge.
A questo fine, si propone un modello per il calcolo dell'assegno di mantenimento (MoCAM) che, con riferimento al caso specifico, considera una serie di scenari corrispondenti a diversi criteri-obiettivo, per ciascuno dei quali fornisce una stima dell'assegno di mantenimento coerente con il criterio stesso.
La scelta di quale scenario sia preferibile spetta, ovviamente, a chi deve prendere la decisione definitiva sull'assegno di mantenimento (giudice o parti di un procedimento consensuale). Il modello, quindi, non pretende di sostituire il giudice o la volontà delle parti, ma è in grado di fornire, in modo obiettivo, una guida che il decisore è potrà utilizzare, totalmente o parzialmente, tenendo conto delle peculiarità del caso sotto esame...

Vai all'articolo completo con esempi e tabelle

Per contattare gli autori di questo articolo: info@mocam.net
Gianni Marliani
Professore ordinario di Statistica Economica
Università di Firenze
Dipartimento di statistica
Mauro Maltagliati
Professore associato di Statistica Economica
Università di Firenze
Dipartimento di statistica

(21/01/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF