Sei in: Home » Articoli

Trasferimento del lavoratore dipendente: la tesi estensiva

L?art. 33, quinto comma, della legge 5.2.1992, n. 104, secondo cui "il genitore o il familiare lavoratore, pubblico o privato, che assista con continuita? un parente o affine entro il terzo grado handicappato, ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede piu? vicina al proprio domicilio e non puo? essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede" va interpretato nel senso che ci si riferisce a situazioni in cui il dipendente sia il fondamentale punto di riferimento per l?assistenza del disabile, quanto meno sotto il profilo della costante organizzazione e supervisione delle cure necessarie, delle buone condizioni di vita e delle relazioni affettive, anche senza assumere necessariamente in proprio l?intera effettuazione materiale dell?assistenza stessa (nota a cura dell'avv. Luigi Viola, staff di la previdenza.it).
Tar Lazio, Sezione I Quater, sentenza 10 febbraio 2005 n 2387
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/05/2005 - www.laprevidenza.it)
Le pi lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF